Tumori: nuovo test a basso costo…

Messa a punto una nuova m…

Il meccanismo della molecola ant…

[caption id="attachment_8…

Caffè in gravidanza: rischi di l…

Le donne incinte che bevo…

Papillomavirus: il rischio di co…

Il 50% degli uomini p…

Antidepressivi in gravidanza: no…

Gli antidepressivi in gra…

San Valentino è il protettore de…

Martedì 14 febbraio 2012 …

Longevità femminile superiore al…

Le donne, si sa, tend…

Sudore: una fibra tessile studia…

I ricercatori dell'Imem-C…

Melanoma: incidenza di recidive …

Studio italiano scopre un…

Dopo l'infarto: la mancata riabi…

[caption id="attachment_1…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Un nuovo composto per impedire la replicazione di qualsiasi virus

Buone news sul fronte virus. Secondo una nuova ricerca, condotta dall’Università di Bonn (Germania) e guidata dal dottor Albrecht von Brunn e dal professor Christian Drosten, un composto potrebbe impedire la replicazione di quasi tutti i tipi di virus, semplicemente privandolo di un fattore essenziale alla sua sopravvivenza.

Lo studio è nato dalla constatazione di come, in precedenza, si fosse scoperto che alcune proteine sembravano svolgere un ruolo essenziale nel virus della SARS. Una strategia che a quanto pare sembra essere importante anche per tutta una serie di virus patogeni, sia per uomini che per animali. Questo perché per la replicazione virale sembra essere necessaria una via di segnalazione cellulare.

«Questo percorso di segnale è normalmente coinvolto nella regolazione del sistema immunitario. Abbiamo usato una sostanza che inibisce la funzione di una delle proteine in tale percorso, e abbiamo scoperto che sopprime la replicazione virale», spiega Drosten.

Se si utilizzano dunque dei farmaci che bloccano il percorso è possibile inibire la replicazione della maggior parte dei virus. Tali medicinali possono essere considerati dei veri e propri antivirali ad ampio spettro.
La ricerca ha perciò dei risvolti molto importanti perché potrebbe essere la chiave di guarigione non solo per il virus della SARS, ma anche per tutte le varietà di coronavirus e altri patogeni che infettano l’uomo, gli animali da allevamento e da compagnia. Il fattore positivo è che inibendo questo percorso, non si danneggia mai la cellula ospite.

Che dire? Ci auguriamo che questa ricerca, apparsa recentemente su PLoS Pathogens, possa davvero essere utile per combattere molti virus che da secoli affliggono l’uomo.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi