Mal di schiena: anche il fumo pr…

Ricercatori italiani svel…

Tumore alla vescica: quando è la…

Nuove tecniche di diagnos…

DNA batterico organizzato come t…

La bronchite e la polmoni…

19 Maggio: giornata mondiale del…

Una persona su 12 nel mon…

Insufficienza cardiaca congestiz…

Verra' presto sperimentat…

Scoperto il punto debole delle c…

LE CELLULE tumorali hanno…

83° Congresso Nazionale della So…

Dall’ 83° Congresso Nazio…

Cancro al seno: il numero di sta…

[caption id="attachment_5…

Al 24° Congresso ECCMID di Barce…

Prevenire la diffusione d…

Una soia GM ricca di Omega-3 aiu…

Un olio derivato dai semi…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Chirurgia estetica: seno sì, ma senza utilizzo di protesi

Da oggi sara’ possibile avere un seno piu’ bello senza protesi, utilizzando solo il proprio grasso corporeo. La nuova tecnica si chiama lipostruttura della mammella ed e’ stata presentata al “48mo congresso di chirurgia plastica” che si e’ svolto in Brasile.

La nuova e rivoluzionaria metodologia d’intervento consente di rimodellare il seno attraverso l’impiego del grasso corporeo, eliminando cosi’ l’insorgere di tutte le complicazioni connesse all’impiego di protesi artificiali. La tecnica prevede infatti l’asportazione del grasso in eccesso da fianchi o glutei che, una volta sottoposto ad un particolare processo di centrifugazione, viene iniettato nel seno della paziente.

Per completare in modo ottimale e definitivo il processo di riempimento sono necessari piu’ trattamenti, ma dopo circa un anno l’aumento di volume sara’ stabile ed estremamente naturale. “Si tratta di una tecnica sicura ed efficace che, grazie all’utilizzo del grasso corporeo, permette di curare molte problematiche del seno e di migliorarne visibilmente l’aspetto – spiega il dottor Alfredo Borriello, dirigente dell’unita’ operativa di chirurgia plastica del Pellegrini di Napoli – una tecnica davvero innovativa, in grado di ridurre le possibilita’ di rigetto derivante dall’utilizzo di sostanze artificiali e di sottrarre la paziente ad ulteriori interventi per il cambio di protesi”.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!