Nuove strategie terapeutiche ant…

Abbasanta (OR), 13 aprile…

Studi sul gene del linguaggio sv…

Una nuova ricerca mostra …

Parere positivo del CHMP per sim…

BEERSE, BELGIO – 24 marzo…

[AME] Il diabete mellito di tipo…

L’OMS lancia l’allarme: s…

Ghiandole sudoripare accelerano …

La pelle umana contiene …

PIU’ ASSENZE E VOTI BASSI PER I …

I bambini americani perdo…

Screening al seno: riduce il ris…

Lo screening riduce sign…

Artrosi: sostanza chimica in gra…

Una nuova potenziale tera…

Dolore e contatto: due capacità …

La capacità di distinguer…

Alzheimer: funziona la prevenzio…

La somministrazione prolu…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Chirurgia estetica: seno sì, ma senza utilizzo di protesi

Da oggi sara’ possibile avere un seno piu’ bello senza protesi, utilizzando solo il proprio grasso corporeo. La nuova tecnica si chiama lipostruttura della mammella ed e’ stata presentata al “48mo congresso di chirurgia plastica” che si e’ svolto in Brasile.

La nuova e rivoluzionaria metodologia d’intervento consente di rimodellare il seno attraverso l’impiego del grasso corporeo, eliminando cosi’ l’insorgere di tutte le complicazioni connesse all’impiego di protesi artificiali. La tecnica prevede infatti l’asportazione del grasso in eccesso da fianchi o glutei che, una volta sottoposto ad un particolare processo di centrifugazione, viene iniettato nel seno della paziente.

Per completare in modo ottimale e definitivo il processo di riempimento sono necessari piu’ trattamenti, ma dopo circa un anno l’aumento di volume sara’ stabile ed estremamente naturale. “Si tratta di una tecnica sicura ed efficace che, grazie all’utilizzo del grasso corporeo, permette di curare molte problematiche del seno e di migliorarne visibilmente l’aspetto – spiega il dottor Alfredo Borriello, dirigente dell’unita’ operativa di chirurgia plastica del Pellegrini di Napoli – una tecnica davvero innovativa, in grado di ridurre le possibilita’ di rigetto derivante dall’utilizzo di sostanze artificiali e di sottrarre la paziente ad ulteriori interventi per il cambio di protesi”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi