Tumori: tecnologia innovativa pe…

Ricercatori finanziati da…

Beta-talassemia: la terapia gen…

[caption id="attachment_8…

A Capri una due giorni di confro…

In Italia allo stato at…

L'importanza del DNA in 3D

Una nuova tecnica messa a…

Trattamento del pene curvo con c…

FIRENZE, 2017 – Sono stat…

Il 9 febbraio si celebra la 1° G…

Roma, 6 febbraio 2015 – I…

Sei stato allattato al seno? Far…

Lo sostiene uno studio in…

Neuroni e sovrappeso: ecco l'ord…

[caption id="attachme…

Meningite: l'EMA autorizza il va…

L'Agenzia europea del far…

Tumori ossei: nei bambini la spe…

Utilizzare cellule stamin…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Incontinenza urinaria e dolore cronico della pelvi: in Italia il 7 percento ne soffre – diagnosi tardiva

In Italia si stima che il 7% della popolazione soffra di incontinenza urinaria, quasi 4 milioni sono le persone che cronicamente fanno i conti con la stipsi, con un’incidenza prevalente femminile e che aumenta con l’età.

Sono due dei disturbi collegati alle disfunzioni pelvi-perineali. “Il dolore pelvico cronico ha una prevalenza molto simile a quella dell’emicrania e del dolore lombare”, spiega ad Asca Silvia Malaguti neurologa-neurofisiologa consulente scientifico dell’Ospedale Niguarda-Unità Spinale di Milano e direttore del centro Medico di Neurofisiologia e Biomeccanica applicata alle disfunzioni pelvi-perineali di Milano, che all’ultima conferenza Congresso Nazionale della Società Italiana di Uroginecologia tenutosi a Torino a novembre ha presentato un documentato lavoro di ricerca su un metodo di “rieducazione” del pavimento pelvico che si basa su un approccio biomeccanico, evitando, quando possibile, interventi chirurgici e riabilitativi.

Le indagini diagnostiche posso essere lunghe, complesse e dispendiose. “Il sospetto di una ‘nevralgia’ del Pudendo deve essere confermato dalla diagnostica neurologica specifica che comprende elettromiografia, test di conduzione del nervo Pudendo, potenziali evocati e riflessi sacrali”, ricorda Malaguti.

 

L’intervento si basa su una “metodica terapeutica incentrata sul recupero della funzione biomeccanica e posturale deficitari che offre il vantaggio di lavorare sulla causa che ha portato all’emergenza del sintomo prevedendo un percorso di normalizzazione, cioè il recupero dei normali rapporti osteo-articolari e miofasciali, ed esercizi terapeutici basati sul riapprendimento delle strategie motorie e sensitive alterate”, spiega Malaguti. Un lavoro che ha delle ricadute sul lungo-periodo e sulla possibile ricomparsa del sintomo.

“In una percentuale elevatissima di casi il dolore è legato all’interessamento del nervo pudendo che è il ‘regista’ delle funzioni pelvi-perineali: tuttavia il tempo medio della diagnosi è di circa 5 anni con un numero medio di otto specialisti consultati – continua la specialista -, a causa della scarsa conoscenza dell’innervazione e della biomeccanica pelvi-perineale”.

La diagnosi e gli interventi sono resi più difficili dalla complessa anatomia e funzione dell’area: un labirinto intricato di muscoli e nervi che si intrecciano fra loro, abbracciano l’apparato urinario (uretra, vescica) e vaginale (nella donna) formando il pavimento anteriore, fino a coinvolgere l’apparato ano-rettale nel pavimento posteriore.

La zona sacrale (osso sacro-coccige) può essere considerata un “organo” a tutti gli effetti, estremamente sensibile: basta una banale caduta sull’osso sacro o una deambulazione forzatamente scorretta. Altre condizioni predisponenti sono, ad esempio, scoliosi, iperlordosi, alluce valgo oppure posture lavorative viziate: si passa troppo tempo seduti, seduti male e su sedute precarie o inadatte.

“La pelvi occupa un ruolo centrale del sistema biomeccanico del corpo, ha una funzione di protezione e di sostegno per la vescica, l’intestino e gli organi sessuali – ricorda Malaguti -. Quando siamo in posizione verticale il contatto dei piedi col suolo crea delle forze di resistenza che si trasmettono alla pelvi attraverso le gambe, e nello stesso tempo la forza di gravità ed il peso del corpo si scaricano sulla pelvi”. (ASCA)

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!