"La macchina dei compiti": il ce…

La porzione del cervello …

Come bloccare infiammazione e in…

Scienziati scoprono il mo…

Alzheimer: una proteina che ne i…

Dallo studio non è emersa…

Polmonite: quale proteina sfrutt…

La Pseudomonas Aerugino…

Vitiligine: vicini a nuova cura …

Ha funzionato la sperim…

Cancro ai polmoni: in fumatori c…

Elevati livelli di bili…

AIDS: menopausa precoce e aborto…

Menopausa precoce e abort…

Oncologia medica: arriva carta e…

Un documento per garantir…

Il COPAXONE® e ulteriori dati em…

Al Fifth Joint Triennial …

Dal Carlo Besta di Milano partir…

[caption id="attachment_6…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Scoperto il gene del sonno

I dormiglioni da oggi hanno una buona scusa per poter restare a letto oltre il dovuto: potrebbero essere semplicemente ‘vittime’ della genetica.

Un nuovo studio internazionale che ha coinvolto 10mila soggetti in tutta Europa ha infatti rivelato che le persone che hanno il gene ‘ABCC9′ hanno bisogno mediamente di restare a letto 30 minuti in piu’ ogni notte. Gli scienziati stimano che questo ‘gene del dormiglione’ sia posseduto da un europeo su 5, come si legge nella rivista Molecular Psychiatry. I ricercatori della University of Edinburgh e della Ludwig Maximilians University di Monaco hanno effettuato le loro analisi basandosi su un campione di sangue di cui hanno studiato il dna: i volontari sono stati scelti in Olanda, Croazia, Italia, Germania, Estonia e Isole Orcadi.

Gli scienziati hanno rilevato che variazioni nel gene ABCC9 erano responsabili delle diverse quantita’ di sonno necessario.
Il ruolo di questo gene era stato individuato grazie a studi condotti nel moscerino della frutta che avevano mostrato che senza il gene ABCC9 l’insetto dormiva tre ore meno del normale.
Il gene e’ inoltre coinvolto nella percezione dei livelli energetici delle cellule del corpo.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi