Neuroni: studio sulla loro capac…

Due studi svelano che i s…

Capperi scudo anti-allergia, alt…

Il cappero in aiuto di ch…

Quando le 'scariche adrenalinich…

[caption id="attachment_7…

Alti livelli di vitamina D contr…

[caption id="attachment_6…

Cecità: Avastin somministrabile …

I farmaci utilizzati per…

Tè verde contro tumori della pel…

Da un estratto di tè verd…

La strategia dei tumori per elud…

[caption id="attachment_6…

Morti improvvise tra gli sportiv…

Viste le recenti morti ch…

Dolori da cancro: oncologi e paz…

Un’indagine commissionata…

Registrazione dei generici: la C…

E’ oggetto di una procedu…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Piombo nel sangue e udito degli adolescenti a rischio

L’esposizione ai livelli ritenuti normali di piombo mette a rischio l’udito degli adolescenti. La scoperta viene da un nuovo studio statunitense del Massachusetts Eye and Ear Infirmary e del Brigham and Women’s Hospital di Boston che collega i problemi dell’udito nei teenager alla presenza di piombo in standard inferiori a quelli considerati “sicuri” (sotto i 10 microgrammi per decilitro).

Nella ricerca sono stati considerati anche altri metalli pesanti che non sono risultati chiaramente legati a problemi di udito. Anche se studi precedenti sugli animali avevano segnalato che l’esposizione a metalli pesanti, come arsenico, cadmio e mercurio, possono causare la perdita dell’udito.

Il campione osservato conta 2500 adolescenti dai 12 ai 19 anni che hanno subito valutazioni dell’udito, del sangue e delle urine in correlazione ai metalli sopracitati: circa uno su cinque ha mostrato segni di perdita dell’udito. Il 31% non ha superato gli esami dell’udito, rispetto al 17 per cento di quelli con meno di un microgrammo di piombo per decilitro nel sangue. Per perdita dell’udito si e’ inteso il non essere in grado di udire suoni da 15 decibel fino a frequenze pari a un sussurro. I giovani con il maggior numero di piombo nel sangue – almeno due microgrammi per decilitro – erano anche quelli con maggiori probabilita’ perdere l’udito. I partecipanti allo studio che hanno rivelato piu’ cadmio nelle urine risultavano incorrere in un aumentato rischio di perdita dell’udito rispetto a quelli con una presenza di mercurio e arsenico nelle urine. Nonostante la quantita’ di piombo nell’ambiente sia diminuita nel corso degli ultimi decenni, il metallo si trova ancora nella vernice delle vecchie case, e, occasionalmente, nell’acqua di rubinetto. La ricerca e’ stata pubblicata su Archives of Otolaryngology-Head and Neck Surgery questa settimana e indica due microgrammi per decilitro di sangue, come nuovo limite accettabile per la presenza di piombo nei bambini.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x