Alzheimer: ricerca preliminare d…

Il litio, una sostanza co…

L'FDA inizia le valutazioni dell…

[caption id="attachment_8…

Il testosterone ci rende più one…

Il testosterone è respons…

Una scoperta avvicina ad un vacc…

[caption id="attachment_5…

Nasce FarmacistaPiù, l’assise an…

Roma, 17 dicembre 2013 - …

Morbo di Crohn: duecento mila it…

Sono 200 mila gli italian…

Correlazione tra schizofrenia e …

La schizofrenia è una mal…

Biovetro per riparare le ossa

Le ossa hanno una sorpr…

Stipsi Cronica: il primo riferim…

Focus sulla patologia i…

Flora intestinale: il futuro la …

Il futuro della corretta …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cellule del muscolo cardiaco: identificata nuova molecola che stimola le staminali a produrne nuove

Identificata una famiglia di molecole in grado di stimolare le cellule staminali a trasformarsi in cellule del muscolo cardiaco. Ad annunciarlo e’ stato un gruppo di ricercatori dell’Universita’ di Shangai in uno studio pubblicato sulla rivista Chemistry & Biology. Questo lavoro potrebbe aprire la strada verso nuovi approcci terapeutici per la rigenerazione e la riparazione cardiaca.

”Nonostante i progressi della medicina moderna – ha detto Tao P. Zhong, scienziato che ha coordinato lo studio – la gestione dell’infarto del miocardio e dello scompenso cardiaco rimane una grande sfida. C’e’ un forte interesse per gli agenti di sviluppo che possono influenzare le cellule staminali a differenziarsi in cellule cardiache e potenziare le capacita’ intrinseche di rigenerazione del cuore. Lo sviluppo di terapie in grado di stimolare la rigenerazione del muscolo cardiaco in aree infartuate avrebbe un enorme impatto medico”.

Per scoprire nuove molecole coinvolte nello sviluppo del cuore, i ricercatori hanno effettuato lo screening di una piccola molecola utilizzando come modello il pesce zebra. Grazie ad una serie di approcci genetici, gli studiosi sono stati in grado di analizzare la crescita e lo sviluppo di un cuore vedendolo battere all’interno di embrioni trasparenti. Dopo aver analizzato ben 4mila composti, gli scienziati hanno scoperto tre molecole strutturalmente correlate che potrebbero ingrandire le dimensioni del cuore embrionale. I composti – chiamati cardionogen-1, -2, -3 – potrebbero promuovere o inibire la formazione del cuore, a secondo di quando vengono somministrati nello sviluppo. Un trattamento a base di queste molecole stimolerebbe la produzione di nuove cellule muscolari cardiache a partire da cellule staminali. Gli scienziati lo hanno dimostrato anche utilizzando un modello murino. Il passo successivo e’ di verificare la possibilita’ di utilizzare queste molecole negli esseri umani.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi