"La macchina dei compiti": il ce…

La porzione del cervello …

Come bloccare infiammazione e in…

Scienziati scoprono il mo…

Alzheimer: una proteina che ne i…

Dallo studio non è emersa…

Polmonite: quale proteina sfrutt…

La Pseudomonas Aerugino…

Vitiligine: vicini a nuova cura …

Ha funzionato la sperim…

Cancro ai polmoni: in fumatori c…

Elevati livelli di bili…

AIDS: menopausa precoce e aborto…

Menopausa precoce e abort…

Oncologia medica: arriva carta e…

Un documento per garantir…

Il COPAXONE® e ulteriori dati em…

Al Fifth Joint Triennial …

Dal Carlo Besta di Milano partir…

[caption id="attachment_6…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Terapia ormonale potrebbe avere incidenza sui rischi cancro

La terapia ormonale sostitutiva non e’ poi cosi’ sicura. Almeno secondo un gruppo di ricercatori dell’Universita’ McMaster a Hamilton in Canada.

Gli studiosi avrebbero infatti trovato prove coerenti dell’associazione tra terapia ormonale sostitutiva (HRT) e cancro al seno. L’indagine arriva in un momento in cui sempre piu’ donne ricorrono a questi tipi di farmaci per controllare le vampate di calore e altri sintomi correlati alla menopausa.
Una tendenza in rialzo che si basa su un precedente studio statunitense – il Women Health Initiative statunitense – che nel 2002 ha registrato una maggiore incidenza di cancro al seno, infarto e ictus tra le donne sottoposte ad HRT.

Nella ricerca attuale, il team McMaster ha riscontrato ‘prove convincenti’ per una diretta associazione tra la diminuzione della terapia ormonale sostitutiva e l’incidenza minore di cancro al seno. L’analisi verra’ pubblicata nel numero di gennaio del Journal of Ep idemiology e Community Health. “Dimostriamo come la terapia ormonale sostitutiva aumenti il rischio di tumore e come la sua cessazione riduca il pericolo di ammalarsi”, ha detto Kevin Zbuk, docente di Oncologia presso la McMaster e autore principale dello studio.
“Nel nostro studio abbiamo esaminato tutti le ricerche che hanno correlato tassi di cancro al seno alla terapia ormonale sostitutiva. Dati i potenziali rischi associati, i medici e i pazienti dovranno valutare meglio il rapporto danni/benefici e se necessario ha concluso – ridurre al minimo indispensabile il periodo di ricorso alla terapia e le dose”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi