EPO: utilizzo a lungo termine e …

"L’uso terapeutico dell’e…

Alzheimer: si studia l'incidenza…

Si sa che una serie di ma…

7° Danone International Prize f…

[caption id="attachment_3…

Sonno: diminuire le ore vuol dir…

Rinunciare anche solo a u…

Dolore cronico: 26 febbraio gior…

Dolore cronico: ne soffro…

Mal di schiena: acqua e sale fun…

Ricercatori offrono una s…

Tumore al seno: fumo e recettori…

[caption id="attachment_8…

Lo stress cronico: quali geni de…

Lo stress cronico blocca …

Cibi acidi fanno invecchiare pri…

"I cibi consumati dalla m…

Mucosa vaginale ricostruita con …

Sindrome di Mayer-von Rok…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Terapia ormonale potrebbe avere incidenza sui rischi cancro

La terapia ormonale sostitutiva non e’ poi cosi’ sicura. Almeno secondo un gruppo di ricercatori dell’Universita’ McMaster a Hamilton in Canada.

Gli studiosi avrebbero infatti trovato prove coerenti dell’associazione tra terapia ormonale sostitutiva (HRT) e cancro al seno. L’indagine arriva in un momento in cui sempre piu’ donne ricorrono a questi tipi di farmaci per controllare le vampate di calore e altri sintomi correlati alla menopausa.
Una tendenza in rialzo che si basa su un precedente studio statunitense – il Women Health Initiative statunitense – che nel 2002 ha registrato una maggiore incidenza di cancro al seno, infarto e ictus tra le donne sottoposte ad HRT.

Nella ricerca attuale, il team McMaster ha riscontrato ‘prove convincenti’ per una diretta associazione tra la diminuzione della terapia ormonale sostitutiva e l’incidenza minore di cancro al seno. L’analisi verra’ pubblicata nel numero di gennaio del Journal of Ep idemiology e Community Health. “Dimostriamo come la terapia ormonale sostitutiva aumenti il rischio di tumore e come la sua cessazione riduca il pericolo di ammalarsi”, ha detto Kevin Zbuk, docente di Oncologia presso la McMaster e autore principale dello studio.
“Nel nostro studio abbiamo esaminato tutti le ricerche che hanno correlato tassi di cancro al seno alla terapia ormonale sostitutiva. Dati i potenziali rischi associati, i medici e i pazienti dovranno valutare meglio il rapporto danni/benefici e se necessario ha concluso – ridurre al minimo indispensabile il periodo di ricorso alla terapia e le dose”.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x