Big Pharma, il cento per cento d…

I settori principali sono…

Tumori: scoperto quale gene nell…

Un team internazionale di…

La perdita di udito

Circa il 16 per cento deg…

Herpes genitalis: piu' pericolos…

E' piu' pericoloso propri…

Aterosclerosi: sviluppato un tra…

Scienziati statunitensi s…

Per la salute del vostro cuore A…

Milano, 25 settembre 2014…

Alzheimer: da una nuova scoperta…

La scoperta di una nuova…

Depressione: fino a due anni pri…

Per arrivare finalmente a…

Mal di schiena: team di ricercat…

Scoperta una molecola che…

Tumori del sangue, buoni risulta…

[caption id="attachment_1…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tumori: isolata proteina presunta responsabile di metastasi

Un gruppo di ricercatori dell’Istituto svizzero per la ricerca sperimentale sul cancro (ISREC), al Politecnico di Losanna, ha isolato una proteina indispensabile affinche’ il tumore riesca a sviluppare metastasi. Non solo.


Gli stessi studiosi sono riusciti a creare un anticorpo che rende ‘inoperativa’ questa proteina, conosciuta come ‘pirosteina’. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista ‘Nature’. Le cellule tumorali possono diffondersi in tutto il corpo, anche se non sempre danno luogo a metastasi. Queste cellule infatti non sono tutte uguali: solo alcune, conosciute come ‘cellule staminali del cancro’, possono innescare metastasi. Prima di farlo pero’ devono stabilirsi in un posto, in una nicchia favorevole al loro sviluppo.

I ricercatori svizzeri sono stati in grado quindi di dimostrare quali siano le con dizioni indispensabili che permettono al tumore di diffondersi. “In particolare siamo riusciti – ha spiegato Joerg Huelsken, autore dello studio – a isolare una proteina, la periostina, nelle nicchie dove si sviluppano le metastasi.
Senza questa proteina le cellule staminali del cancro non possono sviluppare metastasi”. Lo studio e’ stato condotto su topolini. Ebbene, quelli che non hanno la proteina sono stati resistenti alla formazione delle metastasi. “Abbiamo sviluppato un anticorpo – hanno riferito i ricercatori – che aderisce a questa proteina rendendola inoperativa, e speriamo in questo modo di essere in grado di bloccare il processo di formazione delle metastasi”. Non e’ detto pero’ che funzioni allo stesso modo per gli esseri umani: “Non siamo nemmeno sicuri se saremo in grado di trovare un anticorpo equivalente per gli esseri umani”, hanno precisato i ricercatori.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x