Radiografie ai denti: troppe, au…

Le persone che hanno effe…

Artrite Giovanile: novità

Convinzione comune e' che…

Allergie: una proteina responsab…

Maggiore è la presenza de…

Un batterio, associato a carie e…

Un batterio solitamente …

Il ruolo delle 'ossa' nel diabet…

[caption id="attachment_8…

Alzheimer: nuove speranze di tra…

Scienziati testano un nuo…

Addio embrioni: la chimica dalla…

[caption id="attachment_6…

A rischio tumori cavo orale con …

[caption id="attachment_1…

Demenza: cadiopatie e diabete au…

Per un buon funzionam…

Malattie neuromuscolari: una sfi…

[caption id="attachment_8…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tumori: isolata proteina presunta responsabile di metastasi

Un gruppo di ricercatori dell’Istituto svizzero per la ricerca sperimentale sul cancro (ISREC), al Politecnico di Losanna, ha isolato una proteina indispensabile affinche’ il tumore riesca a sviluppare metastasi. Non solo.


Gli stessi studiosi sono riusciti a creare un anticorpo che rende ‘inoperativa’ questa proteina, conosciuta come ‘pirosteina’. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista ‘Nature’. Le cellule tumorali possono diffondersi in tutto il corpo, anche se non sempre danno luogo a metastasi. Queste cellule infatti non sono tutte uguali: solo alcune, conosciute come ‘cellule staminali del cancro’, possono innescare metastasi. Prima di farlo pero’ devono stabilirsi in un posto, in una nicchia favorevole al loro sviluppo.

I ricercatori svizzeri sono stati in grado quindi di dimostrare quali siano le con dizioni indispensabili che permettono al tumore di diffondersi. “In particolare siamo riusciti – ha spiegato Joerg Huelsken, autore dello studio – a isolare una proteina, la periostina, nelle nicchie dove si sviluppano le metastasi.
Senza questa proteina le cellule staminali del cancro non possono sviluppare metastasi”. Lo studio e’ stato condotto su topolini. Ebbene, quelli che non hanno la proteina sono stati resistenti alla formazione delle metastasi. “Abbiamo sviluppato un anticorpo – hanno riferito i ricercatori – che aderisce a questa proteina rendendola inoperativa, e speriamo in questo modo di essere in grado di bloccare il processo di formazione delle metastasi”. Non e’ detto pero’ che funzioni allo stesso modo per gli esseri umani: “Non siamo nemmeno sicuri se saremo in grado di trovare un anticorpo equivalente per gli esseri umani”, hanno precisato i ricercatori.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi