Globuli rossi: individuati i gen…

Un'estesa metanalisi, seg…

Il mondo 'maschilista' delle dro…

[caption id="attachment_3…

Distrofia di ullrich, più vicino…

[caption id="attachment_1…

Cellule staminali prelevate dal …

Preziose cellule stamin…

Isolare i neuroni deputati alla …

Uno studio sui topi dimos…

Melanoma: un microscopio dalla G…

Un team di ricercatori te…

La dieta del sondino "tricolore"…

La dieta del sondino 'ma…

Disfunzione erettile: per l'auto…

[caption id="attachment_7…

Cancro al seno: la notizia buona…

Il tumore del seno fa…

Pacemaker wireless: prove tecnic…

Un gruppo di scienziati d…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Due geni alla base delle alterazioni della pressione sanguigna

Scoperto un nuovo meccanismo che regola la pressione sanguigna. Ricercatori della Yale University hanno analizzato i geni di dozzine di persone che soffrivano di una rara forma di ipertensione utilizzando una tecnica che ha permesso il ‘sequenziamento dell’intero esoma’, metodologia che indaga sulla struttura di tutti i geni.

Gli scienziati, come si legge sulla rivista ‘Nature’, hanno studiato una rara forma di ipertensione caratterizzata da eccessivo potassio nel sangue, individuando una mutazione in due geni specifici. I due geni interagiscono tra loro formando un unico complesso che agisce sulle proteine coinvolte nella degradazione, orchestrando il bilanciamento fra il riassorbimento del sale e la secrezione di potassio nei reni. “Non pensavamo che questi geni fossero implicati nella regolazione della pressione sanguigna, ma se questi non funzionano bene i reni possono gestire male il riassorbimento del sale, causando ipertensione”, ha spiegato Richard Lifton, autore dello studio. La scoperta potrebbe aprire nuove strade al trattamento della pressione alta, uno dei piu’ importanti problemi di salute mondiale, che riguarda circa un miliardo di persone .

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi