Ricetta elettronica: solo cinque…

Solo Sicilia, Valle d'Aos…

Aiuti "di ferro" riducono l'affa…

I supplementi al ferro s…

Retina artificiale: la prima bio…

Entro cinque anni chi s…

Nasce “Regaliamo Futuro”

I pediatri italiani di SI…

Quasi 1.000 morti in meno all’an…

Secondo una recente anal…

Colesterolo: sono almeno 20 i ge…

[caption id="attachment_1…

Cannabis Terapeutica: efficace n…

La comunita' scientifica …

Al via il Tavolo Università-Prof…

Numero chiuso a Farmacia,…

Feto calcificato per 36 anni nel…

Un feto rimasto per 36 an…

L'adattamento alle circostanze a…

Colture di specie batteri…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Due geni alla base delle alterazioni della pressione sanguigna

Scoperto un nuovo meccanismo che regola la pressione sanguigna. Ricercatori della Yale University hanno analizzato i geni di dozzine di persone che soffrivano di una rara forma di ipertensione utilizzando una tecnica che ha permesso il ‘sequenziamento dell’intero esoma’, metodologia che indaga sulla struttura di tutti i geni.

Gli scienziati, come si legge sulla rivista ‘Nature’, hanno studiato una rara forma di ipertensione caratterizzata da eccessivo potassio nel sangue, individuando una mutazione in due geni specifici. I due geni interagiscono tra loro formando un unico complesso che agisce sulle proteine coinvolte nella degradazione, orchestrando il bilanciamento fra il riassorbimento del sale e la secrezione di potassio nei reni. “Non pensavamo che questi geni fossero implicati nella regolazione della pressione sanguigna, ma se questi non funzionano bene i reni possono gestire male il riassorbimento del sale, causando ipertensione”, ha spiegato Richard Lifton, autore dello studio. La scoperta potrebbe aprire nuove strade al trattamento della pressione alta, uno dei piu’ importanti problemi di salute mondiale, che riguarda circa un miliardo di persone .

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi