Spesa farmaceutica: non c’è equi…

Roma, 8 gennaio 2016 – “N…

Contraccettivi ormonali ma non o…

Contraccettivi ormonali n…

Un corso ECM FAD perché il farma…

Roma, 4 novembre 2014- E’…

Ebola: anticorpo sviluppato in l…

Scoperta una proteina rec…

Scoperta funzione antitumorale d…

Scoperta funzione antitum…

La cultura "di ferro" anti-anemi…

Le ragazze italiane a…

Equivalenti leva fondamentale pe…

La relazione annuale dell…

Il segreto della resistenza dell…

Secondo lo studio, sarebb…

Insufficienza pancreatica esocri…

[caption id="attachment_7…

Le centraline energetiche delle …

Nuove prove speriment…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Le statine, e l’azione inibente sulle cellule del cancro al seno

Le statine ipocolesterolemizzanti sembrano tenere a bada il tumore al seno in alcune pazienti.
Almeno questo e’ quanto emerso da una ricerca della Columbia University pubblicata sulla rivista Cell. I risultati suggeriscono anche che le mutazioni in un singolo gene possono essere usate per identificare i tumori a maggiore probabilita’ di risposta positiva alla terapia con statine.


”Potremmo identificare sottogruppi di pazienti i cui tumori possono rispondere alle statine”, ha spiegato l’autore dello studio Carol Prives della Columbia University. ”Naturalmente non possiamo trarre delle conclusioni definitive fino a quando non ne sapremo di piu”’, ha precisato. Si tratta di uno studio clinico sulle statine nel carcinoma mammario basato sullo stato di mutazione del soppressore del tumore, p53. L’oncosoppressore p53 agisce nel regolare molti aspetti della proliferazione cellulare, in genere mettendo un freno alla crescita incontrollata.
Piu’ della meta’ di tutti i tumori umani sono portatori di mutazioni nel gene p53. Molte di queste mutazioni non si limitano semplicemente a disturbare la normale funzione del p53, ma anche a dotare p53 di nuove funzioni che promuovono, invece di inibire, la formazione del cancro. ”I topi senza p53 sviluppano il cancro e muoiono – ha spiegato Prives – ma quelli portatori di forme mutanti tumorali derivate del gene p53 si ammalano in maniera piu’ aggressiva. Come queste forme mutanti di p53 agiscano in realta’ e’ una delle grandi domande della ricerca sul cancro”.

La squadra di Prives promuove i suoi esperimenti proprio per risolvere questo mistero. E studiando cellule tumorali coltivate in un sistema artificiale che assomiglia alla struttura tridimensionale del seno umano, i ricercatori hanno scoperto che le cellule che trasportano p53 mutante crescono in modo disordinato e invasivo, caratteristica dei tumori al seno. Basandosi su quanto appurato da ulteriori studi che avevano tracciato le modifiche strutturali della via metabolica del meva! lonato, importante per la sintesi del colesterolo e presa a bersaglio dalle statine per abbassarlo. Prives e il team hanno trattato le cellule p53 mutanti con le statine, e le cellule hanno bloccato il comportamento disorganizzato e la crescita invasiva. Dall’analisi dei tessuti tumorali mammari prelevati dalle pazienti e’ stato, inoltre, scoperto che le mutazioni di p53 e l’elevata attivita’ dei geni della via del mevalonato tendono a svilupparsi insieme nei tumori umani.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!