Tumori prostatici: nanoparticell…

Una nuova strategia che, …

Il gruppo sanguigno "A" più espo…

La suscettibilita' alle i…

Rigenerazione dei tessuti da cel…

Nuove ricerche della In…

Carote nere per offrire più fibr…

Garantirsi un corretto ap…

Prostata: per prevenzione e inut…

[caption id="attachment_9…

Tumore alla prostata: l'effetto …

E' stato pubblicato sulla…

Neo benigno o no, un test dall'U…

Valuta l'espressione di u…

FDA pone il suo OK sul test rapi…

La Food and drug administ…

Individuati marcatori tumorali t…

[caption id="attachment_8…

Schizofrenia e disturbi sociali:…

Sono tipici della patolog…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Osteoartrite: è forte la correlazione con la lunghezza dei telomeri

I telomeri, le porzioni terminali dei cromosomi, si accorciano con l’eta’ e nella fase dell’invecchiamento riducono gradualmente il meccanismo di replicazione del DNA che non riesce a riprodursi al massimo.


Una nuova ricerca della University of Southern Denmark pubblicata sulla rivista Arthritis Research & Therapy segnala come le cellule delle ginocchia colpite da artrosi mostrino i telomeri accorciati e che la percentuale di cellule con telomeri ultracorti aumenti man mano che ci si avvicina alla zona danneggiata all’interno dell’articolazione. Sebbene l’accorciamento dei telomeri sia un effetto collaterale inevitabile dell’invecchiamento, il fenomeno avviene anche a seguito di danni cellulari improvvisi, compresi i danni ossidativi.

Telomeri corti sono stati trovati, ad esempio, in alcuni tipi di cancro, probabilmente a causa della rapida divisione cellulare. Molti studi hanno, inoltre, dimostrato una stretta connessione tra la riduzione della lunghezza dei telomeri e l’osteoartrite (OA). Il team di ricercatori danesi, utilizzando una tecnologia di recente sviluppo, e’ riuscito a guardare nel dettaglio i telomeri delle cellule prelevate dalle ginocchia di persone che avevano subito un intervento. I risultati hanno mostrato che la lunghezza media dei telomeri era, come previsto, abbreviata nei pazienti malati di OA, e che la presenza dei telomeri ultra-corti causati dallo ‘stress ossidativo’, era ancora maggiore. Maria Harbo, autrice della ricerca ha spiegato: “La storia dei telomeri ci dimostra che ci sono, in teoria, due processi in corso durante l’OA: l’accorciamento dei telomeri correlato all’eta’ e la presenza in prossimita’ delle zone piu’ colpite dei telomeri ultra-corti. La nostra indagine dimostra come la seconda situazione sia piu’ importante nello sviluppo dell’OA, compromettendo sempre di piu’ il ripristino delle cellule, andando cosi’ a danneggiare la cartilagine gia’ provata dallo stress da compressione e permettendo alla malattia di progredire”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi