Tumori muscolari e delle ossa: t…

I ricercatori del Joslin …

ADUC: USA stanzia 4,5 mld per un…

NeoStem, con base nel New…

Tecnica inglese per riparare i t…

Lesioni tendinee curate c…

AIDS: Trojan contro virus potreb…

Virus contro virus per co…

Proteina mutante de virus dell'H…

Sfruttando l'elevata capa…

Teva, tutte le risposte per la S…

Milano, 11 novembre 2014 …

I risultati provenienti dallo st…

·I risultati del primo tr…

Adenocarcinoma polmonare: un nuo…

[caption id="attachment_6…

Parodontite: spesso il laser è i…

Laser a diodi e una spec…

Cervello in coma: attività inasp…

Anche in presenza di un e…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Parodontite: spesso il laser è in grado di eliminare batteri evitando vie chirurgiche

Laser a diodi e una speciale sostanza colorante per stanare e ‘friggere’ i batteri che infettano i tessuti della bocca, causando le parodontiti. “Si tratta di un nuovo approccio, in grado di sterilizzare le tasche parodontali distruggendo il 100% dei batteri, senza effetti collaterali e in modo meno traumatico rispetto ai sistemi tradizionali.

Oltretutto in questo modo in molti casi si evita la terapia chirugica”. A descrivere all’Adnkronos Salute i vantaggi della terapia fotodinamica contro le parondotiti è il dentista romano Giuseppe Conca ( http://www.dottgiuseppeconca.it ).
“Le parodontiti sono risposte infiammatorie indotte dalla placca, che distruggono i tessuti parodontali. Si tratta di un problema molto diffuso, soprattutto dopo i 45 anni, anche se esistono forme aggressive giovanili. Oltre alla terapia chirurgica – prosegue Conca – esiste oggi una tecnica laser meno invasiva: la terapia fotodinamica. Si applica una sostanza colorante, dall’effetto antibatterico, nella parte da trattare.

Questa sostanza si fissa sulle membrane cellulari dei batteri, rendendoli dunque visibili. Poi un laser a diodi, con una lunghezza d’onda di 850 nanometri, li distrugge”. In pratica, l’energia si trasforma in calore e i batteri vengono ‘fritti’. “Il tutto senza alcun problema per i tessuti della bocca, con l’eliminazione del 100% dei batteri”.
Il numero di sedute dipende “dalla vastità del problema e dai quadranti interessati: occorre una seduta per ciascun quadrante. Capita a volte che il trattamento debba essere abbinato a una rimozione manuale del tartaro. In ogni caso – conclude – si tratta di una tecnica meno traumatica rispetto a quelle tradizionali, che sterilizza con certezza la tasca parodontale e rappresenta un utile passo avanti nella terapia delle parodontiti”.(ADNKRONOS)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: