Ricetta elettronica: solo cinque…

Solo Sicilia, Valle d'Aos…

Aiuti "di ferro" riducono l'affa…

I supplementi al ferro s…

Retina artificiale: la prima bio…

Entro cinque anni chi s…

Nasce “Regaliamo Futuro”

I pediatri italiani di SI…

Quasi 1.000 morti in meno all’an…

Secondo una recente anal…

Colesterolo: sono almeno 20 i ge…

[caption id="attachment_1…

Cannabis Terapeutica: efficace n…

La comunita' scientifica …

Al via il Tavolo Università-Prof…

Numero chiuso a Farmacia,…

Feto calcificato per 36 anni nel…

Un feto rimasto per 36 an…

L'adattamento alle circostanze a…

Colture di specie batteri…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Riprodotte le cellule dei vasi sanguigni

Un team di ricercatori dell’Universita’ di Cambridge e’ riuscito a riprodurre tutti i tipi principali di cellule che compongono le pareti dei vasi sanguigni.

La scoperta potrebbe contribuire alla creazione di vasi sanguigni in laboratorio per i chirurghi da impiantare semplicemente come alternativa al bypass al cuore e allo stenting. La creazione di vasi in laboratorio potrebbe anche essere usata per trattare pazienti in dialisi o per fissare le arterie danneggiate dopo gli incidenti per coloro che altrimenti potrebbero perdere un arto. I ricercatori hanno utilizzato cellule della pelle dei pazienti per creare diversi tipi di cellule vascolari. Sanjay Sinha, medico e docente di Cambridge che ha lavorato alla scoperta per quattro anni ha commentato: “Questa ricerca rappresenta un passo importante verso la possibilita’ di generare il giusto tipo di cellule utili a costruire nuovi vasi sanguigni. Siamo molto eccitati dal potenziale dello studio che potrebbe essere utilizzato per costruire un’arteria artificiale in una provetta o iniettando le cellule staminali nel cuore e formarla direttamente al suo interno. Ora abbiamo gli strumenti per progettare tutti i diversi tipi di vasi sanguigni appropriati per ogni paziente”.

La tecnica e’ risultata efficace nel 90 per cento dei test effettuati e sarebbe adatta alla produzione di vasi sanguigni su scala industriale, secondo quanto pubblicato su Nature Biotechnology. A differenza di alcuni precedenti tentativi di costruire vene, la nuova tecnica non ha bisogno di plasma – di solito prelevato da animali che possono contenere sostanze chimiche tossiche per l’uomo. Pertanto, il metodo ha pochi rischi per la salute e una minore probabilita’ di rigetto. (AGI)

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi