HCV: in arrivo in Italia i nuovi…

Sono in arrivo anche in I…

Trombosi: a breve una nuova cura

E' definito Tromboembolis…

Aglio: marker naturale anti-tumo…

[caption id="attachment…

Trapianti di cellule in retina r…

Topi completamente ciechi…

Pacemaker gastrico: risolutivo p…

[caption id="attachment_1…

Malattie Mentali: occorre metter…

A Milano la prima tappa d…

Vaccino HPV: valido, ma non abba…

Dopo essersi sottoposte a…

Inversione dei ruoli sessuali ne…

Scoperto il primo esempla…

Malattie Sessualmente Trasmissib…

Secondo una recente indag…

Geneticamente predisposti alla v…

Stare bene in salute, ave…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Vaccino HPV: valido, ma non abbassare la guardia sull’importanza dei rapporti protetti

Dopo essersi sottoposte al vaccino contro il Papillomavirus umano (Hpv) – virus trasmissibile a livello sessuale che può provocare lesioni ai genitali e il cancro al collo dell’utero – una teen-ager su quattro è convinta di essere protetta anche da altre patologie come l’Hiv, la sifilide e la gonorrea, contro le quali, invece, il vaccino anti-Hpv risulta del tutto inefficace.

A dirlo è uno studio americano finanziato dal National Institutes of Health e pubblicato su Archives of Pediatric & Adolescent Medicine che ha esaminato un sondaggio condotto su 339 ragazze tra 11 e 21 anni circa la loro percezione del rischio dopo la prima vaccinazione Hpv.

La maggior parte delle adolescenti ha riferito di essere consapevole dell’importanza di avere rapporti sessuali sicuri e protetti in ogni caso, ma il 23,6% crede di essere meno a rischio di contrarre malattie sessualmente trasmesse dopo la vaccinazione.

I medici del Cincinnati Children’s Hospital Medical Center (Usa) hanno rilevato che tra i fattori che moltiplicano i rischi ci sono la mancanza di informazioni sul vaccino e sull’infezione da Hpv, e la minore paura dell’Hpv e quindi comportamenti sessuali meno sicuri, come rapporti senza preservativo. “I medici dovrebbero discutere con le ragazze e le loro madri i limiti del vaccino e la sua reale azione”, spiega Tanya Kowalczyk, che ha condotto lo studio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi