Infarto del miocardio: uomini pa…

Rispetto alle donne, gli …

Vasi sanguigni: da cellule stami…

Ricercatori della Scuola …

Urologi in allarme per l'uso del…

[caption id="attachme…

Ecstasy: potrebbe essere causa d…

L'assunzione di ecstasy …

Arto rotto: il cervello inizia s…

Braccio destro ingessato …

Farmaci chiamati Parp-inibitori …

[caption id="attachment_1…

Fumo in gravidanza: mina la futu…

Esporre il feto al fu…

La diagnosi genetica preimpianto…

Carlo Bulletti Diretto…

Difetti della coagulazione e odo…

Roma, 21 novembre 2013 - …

La pillola non teme l’inverno

Molte donne sono convinte…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

‘Leggere il pensiero’ potrebbe diventare presto una possibile realtà scientifica

‘Leggere il pensiero’ non è una sfida fantascientifica: potrebbe diventare una possibilità reale in tempi brevi. Almeno a giudicare dai primi risultati ottenuti da un’equipe di scienziati dell’università della California, a Berkeley che sono riusciti a comprendere parole pensate solo analizzando l’attività cerebrale, come descritto nello studio pubblicato su PLoS Biology.

I neuroscienziati hanno registrato l’attività elettrica nell’area del cervello dedicata alle informazioni uditive- il giro temporale superiore, deputato ad aiutarci a dare un senso linguistico a ciò che ascoltiamo – e hanno messo a punto un modello per interpretare i suoni solo in base alle onde cerebrali. Un sistema che, nelle intenzioni degli studiosi, guidati da Brian Pasley, potrebbe aiutare a comunicare con i pazienti in coma o impossibilitati a parlare a causa di un ictus o una paralisi.
Per mettere a punto il sistema i ricercatori hanno impiantato elettrodi nel cervello di pazienti che dovevano sottoporsi a operazioni neurochirurgiche per epilessia o tumori, nei quali era possibile registrare l’attività cerebrale in modo invasivo.


Utilizzando la risonanza magnetica i ricercatori hanno seguito l’attivazione delle diverse aree del cervello rispetto alle parole pensate, disegnando una ‘mappa’. Attraverso un modello informatico, infine, sono state individuate le aree più attive rispetto alle diverse frequenze di suono. In questo modo gli scienziati sono riusciti ad ‘indovinare’ le parole pensate traducendo le onde cerebrali in suoni.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi