Donne e tumori: sempre più casi …

Circa 87.000 nuove diagno…

Staminali neuronali: più facile …

Se si utilizzano struttur…

Tecnologia e diabete: la rispost…

Nelle migliori farmacie i…

Scoperto enzima in grado di inib…

Sopprimere la crescita di…

E' nato il primo bambino italian…

UNA REALE CONCRETA POSS…

Citomegalovirus: metodo per elim…

Alcuni studiosi della…

Piccolo frammento di RNA per 'ca…

Un gruppo di ricercatori …

Cannabis terapeutica: renderla l…

[caption id="attachme…

Nausee in gravidanza: la soluzio…

E' uno dei fastidi piu' …

Un rivestimento per attrezzature…

[caption id="attachment_8…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

L’Oms da Ginevra: “Renderemo note le ricerche sulla variante umana dell’aviaria”

I ventidue esperti dell’Oms da Ginevra: “Renderemo note le ricerche sulla variante umana dell’aviaria”. Gli Usa: “pericolo terrorismo”, ma la comunità scientifica ribatte: “I vantaggi sono superiori ai rischi”.


NEW YORK – La Casa Bianca aveva fatto di tutto perché gli studi sulla mutazione dei virus dell’influenza aviaria rimanessero top secret. “C’è il pericolo – avevano osservato i collaboratori di Barack Obama – che i terroristi li utilizzino per scatenare catastrofiche pandemie”. Si era mobilitato anche il Nsabb (National science advisory board for biosecurity), il comitato americano che veglia sugli agenti patogeni, chiedendo di rendere noto solo il riassunto delle ricerche in atto, tralasciando ogni dettaglio. Ma la pressione degli Stati Uniti a livello politico e scientifico si è rivelata inutile.

La decisione. Dopo una riunione di due giorni convocata presso la sede di Ginevra dell’Oms (Organizzazione mondiale della sanità), un gruppo di ventidue esperti di bio-sicurezza ha deciso a maggioranza di permettere la pubblicazione dei dati, sia pure aspettando qualche mese perché vengano completate ulteriori verifiche. “Secondo il gruppo, i rischi terroristici sono inferiori ai vantaggi che possono derivare dalle ricerche in termini di vaccini preventivi, test diagnostici e farmaci anti-virali”, ha spiegato Anthony Fauci, uno dei grandi esperti americani di Aids e malattie infettive, che ha però ribadito l’opinione contraria della sua delegazione.

La mutazione. Il virus dell’influenza aviaria – in sigla H5N1 – è stato individuato per la prima volta a Hong Kong nel 1967. Pur presente nel pollame di molti paesi, soprattutto asiatici, ha contagiato finora solo 600 persone, causandone il decesso di circa la metà. In sostanza è difficile che si trasmetta agli esseri umani, ma ha un tasso di mortalità ben più alto del H1N1, cioè dell’influenza suina che creò un allarme mondiale nel 2009-2010. Grazie a finanziamenti federali americani, il virus è stato poi studiato in profondità da due team di ricerca, il primo guidato da Ron Fouchier all’Erasmus medical center di Rotterdam, il secondo da Yoshihiro Kawaoka all’University of Wisconsin-Madison.
Gli scienziati sono riusciti l’anno scorso a realizzare una mutazione del virus che lo rende molto più contagioso per i mammiferi. Negli esperimenti già completati, infatti, attraverso alcuni piccoli cambiamenti genetici del virus H5N1, i due team di ricercatori sono riusciti a infettare dei furetti usati come cavie e ad avere così un’idea di come potrebbe reagire il corpo umano.
Certo, gli esperimenti sulla mutazione sono stati fatti sin qui in laboratori super-protetti. Ma che cosa succederebbe se i batteri dovessero per sbaglio diffondersi nell’atmosfera o se un gruppo di bio-terroristi di impadronisse dei risultati della ricerca per mettere a punto un’arma biologica? Lo scenario sarebbe apocalittico. Anche gli scienziati più prudenti ipotizzano conseguenze peggiori dell’influenza spagnola che nel 1918, subito dopo la prima guerra mondiale, uccise 50 milioni di persone nel mondo.

L’Oms. Nel dicembre scorso il Nsabb americano ha chiesto alle due più autorevoli riviste scientifiche, Science e Nature, di censurare gli articoli che avevano intenzione di pubblicare sull’aviaria. Poi a gennaio è stata annunciata una moratoria di 60 giorni sulle ricerche sulla influenza H5N1, in attesa di una decisione dell’Oms, che ha convocato la settimana scorsa il comitato dei 22. “È necessario che i risultati delle ricerche siano pubblicati interamente nell’interesse della medicina mondiale – ha detto Fouchier dell’Erasmus – i rischi che le informazioni cadano nelle mani dei terroristi sono molto limitati”. Più cauto è stato invece Keija Fukuda, il dirigente dell’Oms presente ai lavori, che ha chiesto che la decisione sulla pubblicazione non venisse resa subito operativa in modo da completare una valutazione dei pericoli.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!