Alzheimer: scoperta la proteina …

Identificata da uno s…

USA: Formaldeide aggiunta all'el…

La formaldeide, elemento …

Cancro alla gola: due terzi per …

Due nuovi studi support…

SARS: nuovo ceppo vede lo..zampi…

Il coronavirus della nu…

TEVA presenta nuove ricerche sui…

Inserita nel programma sc…

Prevenzione tumori al seno: mamm…

La mammografia di routine…

Tumori del colon: 234 sono i gen…

I geni coinvolti nello sv…

DNA batterico organizzato come t…

La bronchite e la polmoni…

Johnson & Johnson annuncia la na…

I consorzi saranno finanz…

Blocco dei recettori del dolore …

Il dolore cronico non e'…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Malattia di Huntington: nuovo trattamento che rallenta la malattia

Un trattamento ‘promettente’ per i malati di Huntington in grado di ritardare e in alcuni casi arrestare la progressione della malattia.

Sulla base di alcune prove di laboratorio un team di ricercatori dell’Universita’ di Alberta ha utilizzato una molecola gia’ presente negli studi clinici di altre malattie, la GM1, che e’ risultata compatibile per la cura dell’Huntington. I risultati della ricerca sono stati pubblicati su Proceedings of the National Academy of Sciences.

Con il ripristino di livelli normali della molecola GM1 nel cervello si e’ notato, all’interno dei modelli di studio, un ritorno delle abilita’ motorie solo pochi giorni dopo la progressiva perdita delle stesse. La molecola utilizzata nei test e’ stata prodotta in modo naturale e sintetico attraverso una produzione chimica. I dettagli sono ancora in definizione ma il team coordinato dalla dottoressa Simonetta Sipione potrebbe collaborare presto con il reparto di neurologia dell’Universita’ di Alberta per sviluppare una terapia nel breve periodo. La ricerca e’ stata finanziata dalla Huntington Society of Canada, che si e’ detta orgogliosa del lavoro svolto: “Lo studio ha dimostrato per la prima volta che in un modello della malattia di Huntington il trattamento ripristina uno stato effettivamente normale e non solo leggermente migliore”. Analisi successive studieranno la possibilita’ di invertire i danni cognitivi causati dalla malattia grazie al trattamento con la GM1. “Visti i risultati nella fase di test si puo’ immaginare che la molecola possa lavorare anche su sintomi cognitivi causati dalla malattia”, ha sottolineato Sipione.(AGI)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: