Infarto del miocardio: uomini pa…

Rispetto alle donne, gli …

Vasi sanguigni: da cellule stami…

Ricercatori della Scuola …

Urologi in allarme per l'uso del…

[caption id="attachme…

Ecstasy: potrebbe essere causa d…

L'assunzione di ecstasy …

Arto rotto: il cervello inizia s…

Braccio destro ingessato …

Farmaci chiamati Parp-inibitori …

[caption id="attachment_1…

Fumo in gravidanza: mina la futu…

Esporre il feto al fu…

La diagnosi genetica preimpianto…

Carlo Bulletti Diretto…

Difetti della coagulazione e odo…

Roma, 21 novembre 2013 - …

La pillola non teme l’inverno

Molte donne sono convinte…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Obesità: si associano disfunzioni cognitive

I ricercatori dell’Universita’ di Turku e Aalto hanno individuato nuove evidenze circa l’alterazione delle funzioni del cervello nei pazienti obesi.


Nella maggior parte dei paesi occidentali, la crescita del tasso di obesita’ rappresenta uno dei fattori di sanita’ pubblica piu’ preoccupanti. Da tempo e’ noto che alcune persone sono inclini al sovrappeso e aumento di peso a causa di disfunzioni del sistema nervoso. Il sistema nervoso centrale, infatti, e’ intimamente coinvolto nella elaborazione dei segnali della fame. Ora i ricercatori dell’Universita’ di Turku e Aalto hanno trovato nuove prove circa il ruolo del cervello nell’obesita’.

I risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista PLoS ONE. I ricercatori, in particolare, hanno misurato i circuiti cerebrali con piu’ metodi di brain imaging e i risultati hanno rivelato che nei soggetti obesi, a differenza dei magri, il metabolismo del glucosio cerebrale e’ significativamente piu’ alto nelle regioni striatali del cervello, ovvero di quelle coinvolte nella elaborazione dei segnali di ricompensa (vale a dire dei segnali che forniscono un senso di gratificazione e di soddisfazione all’individuo).
”I risultati suggeriscono che il cervello degli individui obesi potrebbero generare costantemente dei segnali che promuovono l’assunzione di cibo anche quando il corpo non ri chiederebbe l’assorbimento di energia supplementare”, ha spiegato Lauri Nummenmaa Adjunct Professor presso l’Universita’ di Turku. ”I risultati evidenziano il ruolo del cervello nell’obesita’ e nell’aumento di peso e forniscono – ha concluso ricercatrice – importanti modelli circa lo sviluppo di trattamenti farmacologici e psicologici della patologia”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi