Alzheimer: scoperta la proteina …

Identificata da uno s…

USA: Formaldeide aggiunta all'el…

La formaldeide, elemento …

Cancro alla gola: due terzi per …

Due nuovi studi support…

SARS: nuovo ceppo vede lo..zampi…

Il coronavirus della nu…

TEVA presenta nuove ricerche sui…

Inserita nel programma sc…

Prevenzione tumori al seno: mamm…

La mammografia di routine…

Tumori del colon: 234 sono i gen…

I geni coinvolti nello sv…

DNA batterico organizzato come t…

La bronchite e la polmoni…

Johnson & Johnson annuncia la na…

I consorzi saranno finanz…

Blocco dei recettori del dolore …

Il dolore cronico non e'…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

AIDS. pazienti plurinfettati offrono speranze per un vaccino

Le donne infettate con due diversi ceppi di HIV da due diversi partner sessuali sviluppano una risposta immunitaria piu’ forte rispetto alle donne infettate da un solo ceppo. Lo dimostra uno studio pubblicato su PLoS e condotto dai ricercatori del Fred Hutchinson Research Cancer Center di Seattle.

Questo tipo di infezione doppia viene chiamato dai medici “superinfezione”. La scoperta che una miscela di diversi ceppi di HIV puo’ essere un modo per innescare una risposta piu’ potente del sistema immunitario puo’ risultare strategica negli sforzi di sviluppare un vaccino contro l’HIV. I ricercatori hanno monitorato per cinque anni l’attivita’ immunitaria di 12 donne superinfettate in Kenya. Rispetto alle donne con una sola infezione, le donne superinfettate hanno presentato circa il 70 per cento in piu’ di anticorpi neutralizzanti. In questi casi la capacita’ degli anticorpi nel neutralizzare l’HIV e’ stata quasi il 50 per cento piu’ forte.

“Abbiamo trovato che le donne infettate da un doppio ceppo non solo presentavano una risposta anticorpale piu’ potente, ma alcune di esse avevano un’attivita’ speciale, cosiddetta d’elite, degli anticorpi, vale a dire un’ampia capacita’ di neutralizzare una vasta gamma di ceppi di HIV nel corso di un periodo prolungato di tempo”, ha affermato Julie Overbaugh, autore principale dello studio. Solo circa l’1 per cento delle persone affette da HIV presentano “neutralizzatori d’elite”, hanno concluso i ricercatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: