Dolore cronico: ne soffrono 350.…

Dalla prescrizione di far…

Dal latte materno una proteina p…

Una proteina comples…

Leucemia: individuata mutazione …

Un team di ricercatori de…

Obesità e insonnia: negli adoles…

Gli adolescenti obesi che…

Chirurgia: valutare l’innovazion…

Nel corso del Convegno “S…

Rotary International contro la p…

Al suo fianco anche Maria…

Cervello: scoperta l'azione del …

Vicini alla comprensione …

La diagnosi genetica preimpianto…

Carlo Bulletti Diretto…

L’OMS tuona all’Europa: il 2015 …

Si è appena concluso a Co…

L'errato ripiegamento proteico: …

Il ripiegamento delle pro…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cellule staminali per la rigenerazione dell’epitelio intestinale – studio giapponese

Per la prima volta un’équipe di scienziati, diretti dal professor Mamoru Watanabe della Tokyo Medical and Dental University. E’ riuscita a ricostruire una zona dell’intestino crasso danneggiata da alcune ulcere, a partire da cellule staminali intestinali adulte. Su questa tecnica e’ stata fatta una pubblicazione sulla rivista nature del 13 marzo 2012.


L’epitelio intestinale ha una grande capacita’ a rigenerarsi grazie alle cellule staminali unipotenti, e, grazie ad un rinnovo molto rapido, e’ difficile per gli scienziati mettere queste cellule in coltura. Fino ad oggi diversi tentativi sono falliti grazie al fatto che i tessuti si sono rovinati in cinque giorni.

Per riuscire in questa rigenerazione dell’intestino. L’équipe scientifica giapponese ha prelevato una sola cellula staminale intestinale, poi tre proteine sono state aggiunge nella coltura liquida abitualmente utilizzata per le cellule dell’intestino tenue. Dopo otto giorni le cellule si sono rapidamente sviluppate si’ da ottenere un milione di cellule unipotenti e, quindi, un tessuto. Infine, l’insieme di queste cellule sono state trapiantate nelle zone intestinali deteriorate dalle ulcere. Questo trapianto ha consentito di ottenere in circa un mese un rinnovamento completo del tessuto. Secondo il professor Watanabe questa tecnica potra’ permettere il trattamento di malattie infiammatorie come quella di Crohn.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi