La proteina chiave che trasforma…

Scoperto il meccanismo ch…

Colesterolo: inutile digiuno con…

Il tempo che il corpo imp…

Violenza sulle donne: premiati …

Conclusasi la 2a edizione…

Cancro al seno: tamoxifene riduc…

L'uso del farmaco preven…

Tumore al colon: regolato da un …

Anche il cancro al colon,…

Ipertensione: la denervazione re…

''Promettenti e incoraggi…

Latte materno: importante per il…

Grazie a un suo important…

Solo puntando su generici e bios…

Questo il messaggio cardi…

Distrofia Muscolare di Duchenne,…

Scienziati trovano nella …

Cancro al seno: microonde contro…

[caption id="attachme…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cellule staminali per la rigenerazione dell’epitelio intestinale – studio giapponese

Per la prima volta un’équipe di scienziati, diretti dal professor Mamoru Watanabe della Tokyo Medical and Dental University. E’ riuscita a ricostruire una zona dell’intestino crasso danneggiata da alcune ulcere, a partire da cellule staminali intestinali adulte. Su questa tecnica e’ stata fatta una pubblicazione sulla rivista nature del 13 marzo 2012.


L’epitelio intestinale ha una grande capacita’ a rigenerarsi grazie alle cellule staminali unipotenti, e, grazie ad un rinnovo molto rapido, e’ difficile per gli scienziati mettere queste cellule in coltura. Fino ad oggi diversi tentativi sono falliti grazie al fatto che i tessuti si sono rovinati in cinque giorni.

Per riuscire in questa rigenerazione dell’intestino. L’équipe scientifica giapponese ha prelevato una sola cellula staminale intestinale, poi tre proteine sono state aggiunge nella coltura liquida abitualmente utilizzata per le cellule dell’intestino tenue. Dopo otto giorni le cellule si sono rapidamente sviluppate si’ da ottenere un milione di cellule unipotenti e, quindi, un tessuto. Infine, l’insieme di queste cellule sono state trapiantate nelle zone intestinali deteriorate dalle ulcere. Questo trapianto ha consentito di ottenere in circa un mese un rinnovamento completo del tessuto. Secondo il professor Watanabe questa tecnica potra’ permettere il trattamento di malattie infiammatorie come quella di Crohn.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: