Sequenziato intero genoma di un …

Sequenziato per intero il…

Endometriosi: fino al 10% posson…

L'endometriosi è una pato…

Frattura spina dorsale: interven…

Nel caso di fratture da…

Cancro al pancreas: un nuovo met…

Un nuovo test diagnos…

Italiano l'analgesico in fase sp…

[caption id="attachment_9…

I Robot Chirurghi: da fantascien…

Tra le novità presentate …

La sorpresa di Pasqua non può es…

Roma, 30 marzo 2015 - - “…

Istamina: dirige il senso di fam…

Ricercatori italiani dell…

17 settembre - I Giornata dell'I…

Il 17 settembre si celebr…

Sindrome delle gambe senza ripos…

Un team internazionale di…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Inaspettata efficacia di un antidepressivo contro la leucemia

L’antidepressivo, noto come ‘tranilcipromina’ (TCP) sembrerebbe efficace nel trattamento della forma piu’ comune di leucemia mieloide acuta.

A scoprirlo e’ stato un gruppo di ricercatori dell’Institute of Cancer Research di Londra in uno studio pubblicato sulla rivista Nature Medicine. Non e’ la prima volta che un antidepressivo si e’ rivelato efficace contro la leucemia. Il retinoide noto come all-trans retinoico (ATRA), derivato della vitamina A, e’ stato gia’ utilizzato con successo nella cura di un raro sottotipo di leucemia mieloide acuta.

“I retinoidi- ha spiegato Arthur Zelent, autore principale dello studio – hanno gia’ trasformato un tipo raro di leucemia mortale in una malattia curabile. Ora abbiamo trovato un modo per sfruttare questi potenti farmaci per il trattamento di tipologie molto piu’ comuni di leucemia.
Fino a ora, e’ stato un mistero il motivo che non permetteva alle altre forme di AML di non rispondere a questo farmaco. Il nostro studio ha dimostrato che si trattava di un blocco molecolare che puo’ essere invertito attraverso il ricorso a un secondo farmaco gia’ comunemente utilizzato come antidepressivo. Pensiamo che la nostra sia una strategia molto promettente con benefici potenziali enormi per i pazienti”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi