Un ormone, che stimola produzion…

[caption id="attachment_5…

La melatonina potrebbe abbassare…

La melatonina potrebbe ab…

Leucemia mieloide cronica: negli…

[caption id="attachment_6…

Papilloma virus, virus che attac…

Una ricerca dell'Azienda …

Alzheimer: studio scopre come vi…

I ricercatori della Lund …

Nuovo coronavirus diverso da SAR…

Il nuovo coronavirus de…

Tumori della testa e al collo: s…

Merck Serono: Cetuxim…

Ginocchia più a rischio con vita…

Sia livelli alti sia live…

Calvizie: un supplemento di vita…

[caption id="attachment_5…

Infiammazioni: aspirina le comba…

L'aspirina e i grassi Ome…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Lenti a contatto in grado di rilevare la glicemia

Lenti a contatto in grado di misurare la glicemia delle persone diabetiche e trasmettere i dati, in tempo reale, allo smartphone o al tablet del paziente o del suo medico curante.

Il sistema, ancora sperimentale, è stato sviluppato dall’università di Washington per un progetto in partnership con Microsoft Research, presentato al recente salone della tecnologia ‘Techdays 2012’ di Parigi.
Le lenti sono dotate di piccoli recettori elettronici che valutano la quantità di zucchero presente nelle lacrime e, quindi nel sangue, di chi le porta. Una volta rilevati i dati una piccola antenna trasmette le informazioni al computer. Si tratta ancora di un dispositivo in fase embrionale, non ancora testato sull’uomo, che però potrebbe migliorare molto la qualità della vita dei diabetici insulinodipendenti, che, così, non dovrebbero più utilizzare sistemi per il prelievo di sangue. Non solo, sarebbe più facile anche prevenire altri problemi di salute legati al diabete.

Nella comunità scientifica, però, c’è anche chi esprime qualche dubbio sulle possibilità di arrivare ad uno strumento valido al 100%. Le perplessità, in particolare, riguardano la possibilità di rilevare il tasso di zucchero del sangue in relazione a quello misurato nelle lacrime. I due fluidi, infatti, non esprimono necessariamente gli stessi valori. Scetticismo c’è anche sulla possibilità di tollerarle lentine da parte dei pazienti, spesso afflitti da una maggiore secchezza oculare rispetto ai sani. E, infine, il prezzo, che dovrà essere abbordabile. Secondo i ricercatori che stanno sviluppando il prodotto, comunque, le lentine potrebbero essere commercializzate in Europa entro 5 anni.

Archivi