Cifosi e scoliosi: ad aprile l’e…

 Le opzioni di cura per r…

Protesi al seno: Ddl prevede l'i…

(ANSA) - Un giro di vite …

SLA: promettente il risultato di…

Un nuovo approccio ne…

Perché il virus dell'influenza s…

  [caption id="attachm…

Cellule staminali contro distrof…

Quando un danno al tessut…

Capsaicina, il piccante del pepe…

[caption id="attachment_9…

Le proprieta' battericide del mi…

[caption id="attachment_8…

Morbo di Creutzfeldt-Jakob: l'Is…

Uno studio dell'Istituto …

Studio italiano sui recettori de…

[caption id="attachment_5…

Melanoma: nuovo test per la diag…

Da uno studio italian…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Malattie cardiovascolari: scoperta proteina che fa da scudo e protegge

Un gruppo di ricercatori inglesi del Queen Mary, dell’University of London e della University of Surrey hanno trovato una proteina all’interno dei vasi sanguigni con la capacita’ di proteggere il corpo dalle sostanze che causano le malattie cardiovascolari.

I risultati della ricerca sono stati pubblicati online sulla rivista Cardiovascular Research, e hanno dimostrato che la proteina PXR puo’ attivare diversi percorsi di protezione nei vasi sanguigni. David Bishop-Bailey, coautore dello studio e ricercatore presso il Queen Mary William Harvey Research Institute, ha evidenziato che la proteina e’ in grado di intercettare una vasta gamma di farmaci nel sangue e attivare dei percorsi specifici per interagire con essi.

“Sappiano da tempo che questa proteina svolge un importante ruolo di smistamento dei ‘rifiuti’ prodotti dal fegato – ha detto – ora crediamo di aver scoperto una nuova funzione, che potrebbe avere un ruolo importante nel la protezione dell’organismo contro le malattie cardiovascolari”.

Karen Swales, docente presso l’Universita’ di Surrey, ha commentato: “Il cuore e le malattie cardiovascolari costituiscono il piu’ grande fattore di rischio per i decessi nel Regno Unito ma la scoperta relativa alla proteina PXR avra’ senz’altro importanti implicazioni per la prevenzione delle malattie cardiovascolari”. I ricercatori hanno impiegato nei loro test tessuti umani e cellule dei vasi sanguigni in coltura, trovando ogni volta PXR in attivita’. Bishop-Bailey ha aggiunto: “Abbiamo introdotto specifici farmaci attivanti PXR, verificandone un’attivita’ coordinata con gli enzimi che metabolizzano i percorsi anti-ossidanti. Se riusciamo a capire come manipolare PXR per attivare percorsi di disintossicazione e antiossidanti nel sangue – ha concluso il ricercatore – siamo a un passo dal prevenire il piu’ grande assassino della nostra nazione”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi