Vescica iperattiva: efficace la …

Contro la sindrome de…

Identificato il gene della "feli…

Si chiama Maoa ed e' il g…

Nuovo metodo per ottenere cellul…

Possibile rivoluzione nel…

Sonno disturbato compromette i p…

La scarsa qualità del son…

Second Sight annuncia il success…

E’ la prova per il contin…

Dalla Ginecologia dell’Ospedale …

Unità Operativa Complessa…

DAI POMODORI ITALIANI UNA PILLOL…

[caption id="attachment_9…

Linfoma: un gene chiave implicat…

I risultati di una nuova …

Cure oncologiche e palliative va…

La Società europea di onc…

Infarto del miocardio: uomini pa…

Rispetto alle donne, gli …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Molecola della calvizie: scoperta negli USA

Identificata una proteina responsabile della calvizie. La scoperta, ad opera di ricercatori americani, potrebbe portare a nuovi trattamenti per la causa piu’ comune della perdita di capelli, un ‘dramma’ che affligge 8 uomini su 10 sotto i 70 anni. Lo studio e’ pubblicato su ‘Science Translational Medicine’.


L’equipe dell’universita’ della Pennsylvania ha trovato livelli anomali di una proteina, chiamata prostaglandina D2 (Pgd2), nel cuoio capelluto di uomini con alopecia androgenetica: nel dettaglio, la molecola e’ presente nelle aree colpite da calvizie tre volte di piu’ rispetto a quelle ancora popolate da capelli. Sia negli esseri umani, sia in modelli animali utilizzati successivamente come controllo, la proteina (e il suo derivato 15-dPgj2) blocca la crescita dei capelli.

E lo fa attraverso un recettore che potrebbe essere un bersaglio terapeutico promettente per risolvere il problema negli uomini, ma anche nelle donne alle prese con chiome che cadono o si diradano.
“Un’altra prostaglandina era nota per avere un ruolo nella crescita dei capelli, ma i risultati che abbiamo ottenuto sono sorprendenti: non si era mai pensato che queste molecole avessero una parte anche nella perdita dei capelli”, afferma George Cotsarelis, dermatologo e primo autore dello studio. Lo stesso gruppo di ricerca coordinato da Cotsarelis, lo scorso anno, aveva identificato le cellule staminali nei follicoli piliferi.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!