Differenza genica tra uomo e cav…

Due importanti caratteris…

Crisi ipoglicemiche: sei settima…

Un programma di correzion…

Ictus al femminile: come preveni…

L’American Heart Associat…

Malaria: l'azione diretta su lar…

Colpire i siti di ri…

Vita sessuale meno dolorosa in m…

Il dolore da rapporto ses…

Scompenso cardiaco grave: l’alte…

[caption id="attachme…

Il ruolo dei prioni nella memori…

Le proteine prioniche, no…

Dal 29 novembre al primo dicembr…

Il numero uno della Socie…

Mele: i pediatri vigilano sull'a…

A Roma il 16 Febbraio 201…

Tumori: il gioco chiave delle be…

Non solo predisposizione …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Le precisazioni del Ministero confermano l’errore di fondo dell’articolo 11

Cancellare la pianta organica per reintrodurre una forma di regolazione è solo fonte di confusione. “Invece di una serie di interventi scoordinati serviva una riforma complessiva” ribadisce il presidente Andrea Mandelli

Roma, 22 marzo 2012 – L’interpretazione dell’Articolo 11 del Decreto liberalizzazioni rilasciata dal Ministero della Salute non fa che confermare il giudizio sul provvedimento che la Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani ha più volte espresso. “A nostro avviso” spiega il presidente Andrea Mandelli “risulta ancora più evidente la contraddittorietà del testo. Da una parte, per esempio, si dice che viene abolita la pianta organica, dall’altra però si sottolinea che, per assicurare l’uniformità del servizio farmaceutico, il comune deve individuare ambiti geografici per l’apertura delle nuove farmacie.

In pratica, si torna a una regolazione sia pure, nelle intenzioni del Ministero, semplificata”. Si è quindi di fronte all’ennesimo intervento scoordinato su un servizio e un’organizzazione “che avrebbero invece avuto bisogno di una riforma meditata e soprattutto capace di una visione complessiva delle necessità della popolazione e delle risorse disponibili per soddisfarle. Si è preferito ignorare il cittadino, operare una confusa apertura al mercato e poi cercare di rimediare alle evidenti incongruenze” prosegue Mandelli. Anche sulla questione del limite dei 65 anni di età per la direzione della farmacia pesa lo stesso vizio di fondo della norma: “E’ evidente che è dovere di tutti noi assicurare ai giovani una progressione di carriera all’altezza della loro preparazione ed esperienza, ma non è pensabile che un rapporto fiduciario così importante come quello tra titolare e direttore della farmacia possa instaurarsi nello spazio di un mattino. Senza contare che per le farmacie più piccole ed economicamente più deboli non è detto che sia sopportabile il carico della figura del direttore oppure che, nel caso delle rurali, sia anche possibile, sempre in tempi brevi, trovare un farmacista disposto ad assumere l’incarico”. E in questi casi che si fa? Si chiude la farmacia e si lasciano i cittadini senza medicinali?”.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!