Cellule tumorali: studio indica …

[caption id="attachment_8…

Quando la schiena fa “crack”: pe…

Presso l’Ospedale San Car…

Sindrome da X fragile: trial di …

Il farmaco è progettato p…

Ricercatori svelano il mistero d…

[caption id="attachme…

Dolore cronico: al via a Vicenza…

Formare sulla corretta di…

Vasi sanguigni: da cellule stami…

Ricercatori della Scuola …

Dimostrata la capacità del cerve…

[caption id="attachment_2…

La sperimentazione della MUR ris…

Roma, 21 luglio 2014 - Co…

Scienziati scoprono il legame tr…

[caption id="attachme…

Olfatto dell'uomo: scienziati sc…

Un team europeo di scienz…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Le precisazioni del Ministero confermano l’errore di fondo dell’articolo 11

Cancellare la pianta organica per reintrodurre una forma di regolazione è solo fonte di confusione. “Invece di una serie di interventi scoordinati serviva una riforma complessiva” ribadisce il presidente Andrea Mandelli

Roma, 22 marzo 2012 – L’interpretazione dell’Articolo 11 del Decreto liberalizzazioni rilasciata dal Ministero della Salute non fa che confermare il giudizio sul provvedimento che la Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani ha più volte espresso. “A nostro avviso” spiega il presidente Andrea Mandelli “risulta ancora più evidente la contraddittorietà del testo. Da una parte, per esempio, si dice che viene abolita la pianta organica, dall’altra però si sottolinea che, per assicurare l’uniformità del servizio farmaceutico, il comune deve individuare ambiti geografici per l’apertura delle nuove farmacie.

In pratica, si torna a una regolazione sia pure, nelle intenzioni del Ministero, semplificata”. Si è quindi di fronte all’ennesimo intervento scoordinato su un servizio e un’organizzazione “che avrebbero invece avuto bisogno di una riforma meditata e soprattutto capace di una visione complessiva delle necessità della popolazione e delle risorse disponibili per soddisfarle. Si è preferito ignorare il cittadino, operare una confusa apertura al mercato e poi cercare di rimediare alle evidenti incongruenze” prosegue Mandelli. Anche sulla questione del limite dei 65 anni di età per la direzione della farmacia pesa lo stesso vizio di fondo della norma: “E’ evidente che è dovere di tutti noi assicurare ai giovani una progressione di carriera all’altezza della loro preparazione ed esperienza, ma non è pensabile che un rapporto fiduciario così importante come quello tra titolare e direttore della farmacia possa instaurarsi nello spazio di un mattino. Senza contare che per le farmacie più piccole ed economicamente più deboli non è detto che sia sopportabile il carico della figura del direttore oppure che, nel caso delle rurali, sia anche possibile, sempre in tempi brevi, trovare un farmacista disposto ad assumere l’incarico”. E in questi casi che si fa? Si chiude la farmacia e si lasciano i cittadini senza medicinali?”.

Archivi