I benefici della pillola superan…

Una nota dell’Agenzia…

Parkinson: cellule staminali del…

Molti studi effettuati su…

Alzheimer: messo a punto nuovo t…

[caption id="attachment_6…

Antidepressivi: prozac raffredda…

Nuovi antidepressivi osta…

Regimi terapeutici con telaprevi…

Regimi terapeutici con te…

LA BARCACCIA SI COLORA DI VIOLA …

Giornata Mondiale Epiless…

La nuova terapia combinata a com…

La nuova terapia combinat…

La risposta sessuale umana agli …

Un numero crescente di da…

Il cervello non ha le stesse cap…

Contrariamente a quanto s…

Carcinoma prostatico metastatico…

I risultati di uno studio…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Organi in provetta partendo da staminali: sarebbe tecnica anti-rigetto, per eventuale trapianto

Ricostruire organi interi a partire da cellule staminali prelevate dallo stesso paziente. In futuri potrebbe essere possibile, anche con tessuti e organi più complessi, grazie a una tecnica messa a punto dall’italiano Paolo Macchiarini e pubblicata su Lancet che si basa sull’impianto di staminali su un’impalcatura di tessuto decellularizzato per permettere alle baby-cellule prelevate dallo stesso paziente di attecchire.

Macchiarini che ha già sperimentato questo procedimento nell’impianto di due trachee – una delle quali nel 2008 a Barcellona fece molto scalpore a livello internazionale -, dice che in futuro lo stesso metodo potrebbe essere utilizzato per avere organi complessi se si riusciranno a risolvere alcuni problemi aperti, come “l’identificazione delle cellule staminali ottimali da usare per i diversi organi e dei metodi per la ricellularizzazione delle strutture vascolari per gli organi interi”.

Superati questi limiti si potrebbero avere organi per i trapianti come fegato, polmoni, cuore senza più liste d’attesa e soprattutto senza rischio di rigetto, perché ottenuti da cellule adulte dello stesso paziente. Per Macchiarini la strada verso organi interi e tessuti complessi è segnata, e risultati positivi sono stati riportati anche “per tessuti una volta considerati impossibili da ricostruire, come pancreas, cervello e occhi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi