Angiopatia da prioni nei topi

[caption id="attachment_6…

Connessioni tra apnee notturne e…

I disturbi respiratori ne…

L'Alzheimer inizia il percorso n…

[caption id="attachment_5…

HIV: 'Progetto genitorialità' pe…

Sempre più coppie sieropo…

HIV: il latte materno blocchereb…

Una ricerca sugli animali…

Malattie cardiache in età pediat…

I neonati messi al mondo …

Studio pilota con brentuximab ve…

– Sopravvivenza glo…

Tosse: individuato un nuovo rece…

[caption id="attachment_1…

Embrioni congelati: in Italia so…

Oltre 7 mila embrioni con…

Gravidanza: un test del sangue s…

[caption id="attachment_1…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

“Tintarella naturale” con frutta e verdura. La pelle migliora nettamente

Ciò che mangi ti si legge in faccia, e se metti nel piatto più frutta e verdura il colorito della pelle migliora: l’incarnato diventa più luminoso e sano, il grigiore sparisce e compare una ‘tintarella’ naturale.

Suona così il monito di un gruppo di scienziati dell’università scozzese di St. Andrews, che con uno studio pubblicato sulla rivista ‘Plos One’ provano a incoraggiare il consumo di vegetali – 5 le porzioni quotidiane raccomandate – facendo leva sul vizio più diffuso: la vanità.
I ricercatori hanno reclutato 35 studenti, per la maggior parte bianchi, interrogandoli sul consumo di frutta e verdura in un periodo di 6 settimane durante il quale i volontari non dovevano utilizzare trucco, lettini solari o creme autoabbronzanti. Attraverso uno strumento ad hoc, gli studiosi hanno analizzato il tono della pelle prima, durante e dopo il periodo di studio. Risultato: le variazioni del consumo di frutta e verdura appaiono associate a un cambiamento del tono cutaneo.

In particolare, mangiarne di più sembra accentuare la naturale colorazione della pelle. “E’ possibile che anche piccole variazioni dietetiche producano benefici visibili alla colorazione della pelle”, scrivono gli autori. Che tuttavia ammettono: l’effetto ‘cosmetico’ della dieta verde potrebbe essere diverso nelle persone anziane, e sono necessarie ricerche più approfondite anche su volontari non bianchi.
Più scettici altri esperti sentiti dalla ‘Bbc online’ a commento dei dati del team scozzese. Glenys Jones, nutrizionista della Cambridge University, osserva che molto può dipendere dalle tecniche di preparazione dei vegetali, che possono influenzare il contenuto di pigmenti carotenoidi. Mentre Catherine Collins, dietista del St.George Hospital di Londra, fa notare che nello studio sono state comunque analizzate zone della pelle esposte alla naturale luce del sole. Su un punto, però, tutti gli scienziati concordano: qualunque messaggio possa incoraggiare le persone a mangiare più frutta e verdura, è benvenuto.(ADNKRONOS Salute)

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi