Questione Bayer: i sensazionali…

Già un anno fa l’Ema e l’…

Radicali liberi: i nemici del si…

I radicali liberi attacca…

SItI e Sanofi Pasteur MSD: partn…

Due giorni di formazion…

Gravidanza breve se preceduta da…

La durata di una gravida…

Asma: quanto incide il rapido sv…

I neonati che crescono pi…

Elisir di lunga vita? Alimentazi…

Nessun ingrediente miraco…

Rigenerazione tessuti cardiaci d…

Saranno consegnati a Ot…

Oppio altera centri cerebrali di…

L'uso dell'oppio altera l…

Sindrome di Sjogren: idrossiclor…

I pazienti affetti dalla …

Diabete e obesità: trovati gli e…

Inibire l'azione di alcun…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

ADHD rappresenta un complesso di patologie, e non un unico disturbo

La Sindrome da Deficit dell’Attenzione e Iperattivita’ (ADHD) e’ molto piu’ che un disturbo, consiste in un’intera famiglia di patologie, simile ai diversi sottotipi di cancro.

E’ quanto emerge da una ricerca condotta dalla Oregon Health & Science University, pubblicata sui Proceedings of the National Academy of Sciences. La ricerca individua varie versioni della malattia, ognuna con effetti diversi, e dimostra la necessita’ di superare il trattamento standard, suggerendo inoltre nuovi metodi per la caratterizzazione di ogni individuo in modo da migliorare diagnosi, prognosi e trattamento della malattia.

“Tradizionalmente, i medici e gli psicologi hanno diagnosticato i pazienti attraverso l’uso del Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali, comunemente noto come DSM – ha spiegato Damien Fair, docente di neuroscienze comportamentali presso l’Advanced Imaging Research Center dell’Universita’ americana – ma il problema con questo approccio e’ che ci si basa su osservazioni secondarie dei genitori o degli insegnanti. In questo modo comportamenti simili dettati da ragioni diverse vengono impropriamente confusi”. Per capire meglio le variazioni della ADHD, Fair e colleghi hanno confrontato i risultati dei test per diverse capacita’ cognitive tra un campione di pazienti ADHD e un gruppo di controllo. I test erano incentrati su memoria, inibizione, attenzione e comprensione. Dalle misure registrate e’ emerso che non tutti i partecipanti allo studio hanno mostrato i medesimi punti di forza e di debolezza, cio’ considerando anche i ragazzi coinvolti nel gruppo di controllo. “Sapevamo da tempo che vi fosse un’ampia variabilita’ delle prestazioni sia nel gruppo ADHD sia nel gruppo di controllo – ha aggiunto il ricercatore – ma questa non e’ mai stata formalmente descritta”. Grazie a una specializzazione dei test, i ricercatori credono di aver trovato un modo piu’ preciso per individuare delle sottocategorie di ADHD. Psicologi e medici possono cosi’ fornire ai pazienti una serie di test cognitivi, determinare i loro punti di forza e di debolezza, e tendere a una personalizzazione della diagnosi e della terapia.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!