La rete europea LeukemiaNet agev…

I ricercatori europei con…

Premio Galeno 2009 per la prima …

Raltegravir, farmaco anti…

AIDS: cure immediate guariscono …

Un nuovo eccezionale colp…

Tumori: particolare proprietà de…

Alcuni ricercatori del Fr…

Piorrea: studi e scoperte verso …

La struttura e il meccani…

Paralisi facciale: le emicranie …

L'emicrania puo' raddoppi…

Seni "rifatti" under 18 adesso p…

Mai più "ritocchini" al s…

Ulcera gastrica curata con le na…

Un paziente con una grave…

'Il Pillolo', contraccettivo mas…

Dopo anni di sperimentazi…

Fibrosi cistica: malattia geneti…

La lotta alla fibrosi cis…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

ADHD rappresenta un complesso di patologie, e non un unico disturbo

La Sindrome da Deficit dell’Attenzione e Iperattivita’ (ADHD) e’ molto piu’ che un disturbo, consiste in un’intera famiglia di patologie, simile ai diversi sottotipi di cancro.

E’ quanto emerge da una ricerca condotta dalla Oregon Health & Science University, pubblicata sui Proceedings of the National Academy of Sciences. La ricerca individua varie versioni della malattia, ognuna con effetti diversi, e dimostra la necessita’ di superare il trattamento standard, suggerendo inoltre nuovi metodi per la caratterizzazione di ogni individuo in modo da migliorare diagnosi, prognosi e trattamento della malattia.

“Tradizionalmente, i medici e gli psicologi hanno diagnosticato i pazienti attraverso l’uso del Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali, comunemente noto come DSM – ha spiegato Damien Fair, docente di neuroscienze comportamentali presso l’Advanced Imaging Research Center dell’Universita’ americana – ma il problema con questo approccio e’ che ci si basa su osservazioni secondarie dei genitori o degli insegnanti. In questo modo comportamenti simili dettati da ragioni diverse vengono impropriamente confusi”. Per capire meglio le variazioni della ADHD, Fair e colleghi hanno confrontato i risultati dei test per diverse capacita’ cognitive tra un campione di pazienti ADHD e un gruppo di controllo. I test erano incentrati su memoria, inibizione, attenzione e comprensione. Dalle misure registrate e’ emerso che non tutti i partecipanti allo studio hanno mostrato i medesimi punti di forza e di debolezza, cio’ considerando anche i ragazzi coinvolti nel gruppo di controllo. “Sapevamo da tempo che vi fosse un’ampia variabilita’ delle prestazioni sia nel gruppo ADHD sia nel gruppo di controllo – ha aggiunto il ricercatore – ma questa non e’ mai stata formalmente descritta”. Grazie a una specializzazione dei test, i ricercatori credono di aver trovato un modo piu’ preciso per individuare delle sottocategorie di ADHD. Psicologi e medici possono cosi’ fornire ai pazienti una serie di test cognitivi, determinare i loro punti di forza e di debolezza, e tendere a una personalizzazione della diagnosi e della terapia.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi