Problemi alla tiroide: cambiamen…

Le ferie volgono al term…

Screening salvavita per il contr…

[caption id="attachme…

In condizioni di stress, cellule…

[caption id="attachment_7…

Influenza: conoscere e interveni…

[caption id="attachme…

Ricerca mostra la base genetica …

(Cordis)Due studi di rice…

Tricotillomania e dieta: quale l…

[caption id="attachment_1…

Influenza e bambini: si puo' cur…

[caption id="attachm…

Il valore soggettivo per i neuro…

Quando si osserva un'azio…

PMA a KM 0: il ruolo del ‘medico…

Gli esperti riuniti a Cat…

Prima giornata nazionale di sens…

PRIMA GIORNATA NAZIONALE …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Alzheimer: le statine utilissime contro sintomi precoci

Le statine comunemente prescritte contro le malattie cardiache risultano efficaci nella riduzione dei sintomi dell’Alzheimer.

Almeno questo e’ quanto emerso da uno studio della McGill University, pubblicato sul Journal of Neuroscience. Il farmaco testato sui topi ammalati del morbo e’ riuscito a migliorare il flusso sanguigno nel cervello, la capacita’ di apprendimento e la memoria degli animali.
“L’analisi dimostra – ha detti Edith Hamel, a capo dello studio – che le statine sono in grado di esercitare un’azione protettiva nei confronti di alcuni degli effetti dannosi dell’Alzheimer sulle cellule nervose coinvolte nella memoria”.

I risultati migliori si ottengono se le statine vengono somministrate durante le prime fasi del processo della malattia. “E’ importante ora capire in che modo trasportare questi soddisfacenti risultati dal laboratorio alla terapia per i pazienti. Si tratta di una scoperta fondamentale – ha spiegato Hamel – che mostra evidenti benefici nei topi e anche se ancora non sappiamo quale sara’ il riscontro sugli esseri umani, possiamo dirci ottimisti. Dalla nostra scoperta deve partire l’impulso a promuovere urgenti ricerche per aumentare la diagnosi precoce e aiutare le persone con demenza a ottenere di piu’ dai trattamenti” .

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi