Sequenziato intero genoma di un …

Sequenziato per intero il…

Endometriosi: fino al 10% posson…

L'endometriosi è una pato…

Frattura spina dorsale: interven…

Nel caso di fratture da…

Cancro al pancreas: un nuovo met…

Un nuovo test diagnos…

Italiano l'analgesico in fase sp…

[caption id="attachment_9…

I Robot Chirurghi: da fantascien…

Tra le novità presentate …

La sorpresa di Pasqua non può es…

Roma, 30 marzo 2015 - - “…

Istamina: dirige il senso di fam…

Ricercatori italiani dell…

17 settembre - I Giornata dell'I…

Il 17 settembre si celebr…

Sindrome delle gambe senza ripos…

Un team internazionale di…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Diabete: da chirurgia sono in 400mila a nutrire speranze di remissione completa

Nuove speranze per i circa 400mila italiani colpiti da diabete e obesita’ grave. Due studi, pubblicati dal New England Journal of Medicine, dimostrano che in questa categoria di persone la chirurgia bariatrica (o chirurgia dell’obesita’), destinata alla riduzione del peso, e’ in grado di sconfiggere anche il diabete, risultando piu’ efficace degli stessi farmaci.

“Da molti anni si discute sull’efficacia della chirurgia bariatrica, dimostratasi risolutiva nella cura delle grandi forme di obesita’, anche come cura per il diabete”, spiega Antonio Pontiroli, direttore della cattedra di medicina interna all’Universita’ degli studi di Milano e presidente dell’undicesimo Congresso Nazionale Diabete-Obesita’. “Sino ad oggi – continua – si sapeva che la chirurgia bariatrica e’ in grado di far scomparire il diabete, entro 2 anni dall’operazione, nell’82% delle persone molto obese e che nel 62% dei casi il diabete non ricompare dopo i 2 anni dall’intervento”.

Tanto e’ vero che “le principali linee guida internazionali e italiane gia’ includono l’intervento chirurgico tra le raccomandazioni di cura per le persone adulte con diabete tipo 2 e obesita’ grave, ossia con indice di massa corporea superiore o uguale a 35”. Questi nuovi studi risultano particolarmente importanti, perche’ “per la prima volta confrontano, alla pari, gli effetti del bisturi con quelli dei farmaci, cosa sinora mai fatta”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi