Merck Serono completa l'arruolam…

Merck Serono completa l…

Cocaina: potrebbe essere una pre…

I risultati dello studio …

Tumore al seno: anche prima dei …

Una nuova analisi condott…

Vitiligine: efficace l'autotrapi…

[caption id="attachment_6…

Fu il plancton a contribuire sos…

Il plancton fornì un cont…

Fibromialgia: terapia psicologic…

Un intervento psicologico…

Ecolocalizzazione: potremmo vede…

[caption id="attachment_1…

Journal of Clinical Oncology: l’…

La pubblicazione, su un…

AiDS: un farmaco anti-rigetto st…

Una nuova ricerca pubblic…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Disponibile in Italia un nuovo farmaco contro la schizofrenia

Cologno Monzese, aprile 2012 – Paliperidone palmitato, antipsicotico indicato nel trattamento della schizofrenia, nella nuova formulazione iniettabile a rilascio prolungato con somministrazione mensile è ora disponibile anche sul mercato italiano.

Il farmaco ha ottenuto l’autorizzazione dall’EMA e dall’FDA nel corso del 2011 ed è ora commercializzato anche in Italia.

La schizofrenia è una malattia psichiatrica cronica, caratterizzata dalla presenza di deliri, allucinazioni, scarsa motivazione e appiattimento affettivo. La patologia compromette seriamente la capacità del paziente di relazionarsi con gli altri e comportarsi in modo adeguato all’interno della società, per questo rappresenta una problematica molto importante sia per la disabilità che comporta, sia per la difficoltà che pone alle famiglie dei pazienti e ai servizi assistenziali.

Studi multicentrici condotti dall’OMS hanno stimato una prevalenza globale della schizofrenia dell’1%, che è simile in tutto il mondo, colpendo in egual misura uomini e donne fino all’età di 60 anni. Valutata al 9° posto tra le cause di disabilità, la schizofrenia comporta un ingente costo economico, sia per quanto riguarda i costi diretti (cure mediche, ospedalizzazione, riabilitazione, ecc.) che indiretti (perdita di produttività). Anche se non si può guarire dalla malattia, la schizofrenia può essere controllata con un’alta percentuale di successo grazie al supporto di farmaci antipsicotici, sui quali si basa il principale trattamento della stessa.

Nonostante negli ultimi anni siano stati sviluppati numerosi efficaci trattamenti, con effetti collaterali minori e meno gravi rispetto ai farmaci tradizionali, che mirano, oltre a ridurre o eliminare i sintomi, a migliorare la qualità di vita e il funzionamento sociale del paziente, ancora oggi, uno dei principali problemi della cura delle psicosi schizofreniche è la mancata aderenza alla terapia. E’ stato, infatti, stimato che solo 1/3 dei pazienti affetti da schizofrenia è pienamente aderente al piano terapeutico prescritto. Problema, questo, forse connesso alle caratteristiche cliniche della patologia, che spesso risultano incompatibili con l’adesione a un programma farmacologico corretto e costante, che genera riacutizzazioni della malattia, con la conseguente necessità di ripetute ospedalizzazioni.

“La prevenzione delle ricadute è uno dei principali obiettivi del trattamento della schizofrenia – dichiara Bruno Azzolini, Business Unit Director Janssen Italia – I pazienti che non rispettano le indicazioni fornite dal medico sono fino a 5 volte più esposti al rischio di ricadute rispetto a quelli che seguono correttamente lo schema terapeutico. Gli antipsicotici iniettabili a rilascio prolungato come paliperidone palmitato possono aiutare i malati in tal senso. Questi presidi, infatti, a parità di efficacia terapeutica rispetto alle corrispondenti forme orali, consentono un controllo più puntuale dell’aderenza alla terapia, riducendo contestualmente il rischio e la frequenza delle ricadute. Questo è fondamentale non solo per contenere i costi associati alle ricadute, ma anche per migliorare il funzionamento sociale e la qualità di vita dei pazienti stessi”.

L’efficacia di Paliperidone palmitato, antipsicotico atipico iniettabile a rilascio prolungato, che prevede una sola somministrazione mensile, è stata dimostrata da un ampio programma di sviluppo clinico, in particolare da quattro studi in doppio cieco, controllati con placebo, condotti in pazienti con riacutizzazione della schizofrenia e uno studio più prolungato in doppio cieco per la prevenzione delle ricadute e il mantenimento.

“La comunità medico-scientifica, con l’introduzione di paliperidone palmitato, ha oggi l’opportunità di rivedere il proprio approccio complessivo alla cura della schizofrenia, attraverso terapie a rilascio prolungato e questo incoraggia e premia il continuo impegno di Janssen nella ricerca di nuove terapie per la patologia” – conclude Bruno Azzolini.

Janssen Italia

Janssen, azienda farmaceutica del Gruppo Johnson & Johnson è fortemente impegnata nel dare risposte concrete ai principali bisogni clinici che non hanno ancora trovato un’adeguata soluzione terapeutica in settori come, ad esempio, quello oncologico, immunologico, delle neuroscienze, delle malattie infettive, nell’ambito cardiovascolare, e nelle malattie metaboliche.

Guidata dall’ impegno rivolto verso i pazienti,  Janssen sviluppa farmaci innovativi, servizi e soluzioni integrate per aiutare le popolazioni di tutto il mondo.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!