Infarto del miocardio: uomini pa…

Rispetto alle donne, gli …

Vasi sanguigni: da cellule stami…

Ricercatori della Scuola …

Urologi in allarme per l'uso del…

[caption id="attachme…

Ecstasy: potrebbe essere causa d…

L'assunzione di ecstasy …

Arto rotto: il cervello inizia s…

Braccio destro ingessato …

Farmaci chiamati Parp-inibitori …

[caption id="attachment_1…

Fumo in gravidanza: mina la futu…

Esporre il feto al fu…

La diagnosi genetica preimpianto…

Carlo Bulletti Diretto…

Difetti della coagulazione e odo…

Roma, 21 novembre 2013 - …

La pillola non teme l’inverno

Molte donne sono convinte…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Infarto: i raggi a infrarossi permettono diagnosi più accurate

Consente ai medici di analizzare le arterie con una risoluzione di un centesimo di millimetro, permettendo di conoscere le cause di angina e infarto.

Il nuovo macchinario, in dotazione all’Irccs Policlinico San Matteo di Pavia, “è di fondamentale importanza – spiega Luigi Oltrona Visconti, direttore di Cardiologia del Policlinico – perché ora possiamo capire le cause degli infarti ed elaborare con più precisione l’intervento di angioplastica. Questa macchina permette di avere immagini ingrandite nei minimi particolari e più nitide rispetto al passato”.
La nuova tecnologia si chiama OCT e costa 100 mila euro. Ad acquistarla ci ha pensato la Fondazione Comunitaria della Cariplo di Pavia.

“Ancora una volta il San Matteo è riconosciuto come centro di eccellenza – commenta il presidente della Fondazione Alessandro Moneta – e grazie ai fondi stanziati dalla Fondazione Comunitaria della Cariplo possiamo fornire ai pazienti un’assistenza mirata e d’avanguardia”.
I vantaggi per i pazienti, spiegano gli specialisti del San Matteo, sono chiari: il nuovo macchinario permette di operare su misura a seconda del tipo d’infarto. La macchina, in funzione da pochi giorni, è già stata utilizzata su tre pazienti.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi