Prima volta microchip infetta uo…

[caption id="attachment_7…

Rituximab migliora sopravvivenza…

Roche ha annunciato i dat…

Rapamicina: scoperte ulteriori p…

[caption id="attachment_6…

Fratture vertebrali: a Teramo te…

Presso l’Unità Operativa …

Fumatori italiani i meno convint…

I fumatori italiani sono …

Nanoparticelle guidate da un mag…

[caption id="attachme…

La chiave del dimagrimento è nel…

[caption id="attachment_2…

Moduli a DNA per lo storage dei …

Nuovi progressi nello sfr…

Rigenerazione dei nervi: scopert…

Identificata un'unica mol…

Diabete: scoperta interazione tr…

Un team di scienziati del…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Medicina rigenerativa: scoperto nuovo metodo per la corretta rigenerazione del tessuto cardiaco

Un gruppo di scienziati del Duke University Medical Center ha dimostrato la capacita’ di trasformare il tessuto cicatriziale che si forma dopo un attacco cardiaco in cellule del cuore.

I ricercatori hanno utilizzato un nuovo processo che sfrutta alcune proprieta’ delle molecole di microRNA per innescare la conversione del tessuto cardiaco, eliminando cosi’ la necessita’ del trapianto di cellule staminali al fine di produrre una rigenerazione tissutale. I dettagli della ricerca sono stati pubblicati su Circulation Research. Gli esperimenti sono stati effettuati su modelli animali ma se ulteriori studi confermeranno questa possibilita’ anche in fase clinica, questo nuovo approccio potrebbe rappresentare una svolta nel trattamento delle 23 milioni di persone che nel mondo soffrono di scompenso cardiaco.

Nella maggior parte dei casi, infatti, lo scompenso cardiaco e’ originato dal tessuto cicatriziale che si sviluppa dopo un attacco di cuore. L’approccio potrebbe anche avere benefici al di la’ delle malattie cardiache. “Siamo di fronte a un dato molto significativo – ha detto Victor J. Dzau, primo autore dello studio e professore di Medicina alla Duke University – poiche’ se riusciamo a realizzare questo tipo di operazione di rigenerazione tissutale nelle cellule cardiache, allora abbiamo ottime possibilita’ di poterci riuscire anche per i tessuti del cervello, dei reni, e di altri organi. Si tratta, in poche parole, di una nuova via alla medicina rigenerativa”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi