Campagna rottamazione biberon al…

Fai la cosa giusta: al vi…

‘NOVAIR’ – Broncopneumopatia Cro…

Firenze 15-17 febbraio 20…

Citochine: alti livelli preditti…

Un gruppo di studiosi del…

La mappatura del genoma sul codi…

[caption id="attachment_8…

Ottenuti neuroni da staminali de…

[caption id="attachment_9…

Broncopneumatia cronico-ostrutti…

Attacchi di tosse, respir…

Test genetico per misurare incid…

[caption id="attachment_5…

Fertility day? Everyday…

Ogni giorno bisogna prend…

Helicobacter pylori: il suo mecc…

[caption id="attachment_8…

Ecco come la fotostatina miglior…

[caption id="attachment…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cheratoplastica ottimale anche in Italia, per correggere difetti visivi

E’ arrivata anche in Italia la nuova e innovativa tecnica per correggere alcuni dei piu’ comuni difetti visivi come l’ipermetropia e la presbiopia. Si tratta della Cheratoplastica Ottimale (Opti-K), un trattamento laser corneale non invasivo effettuato in meno di tre secondi per ciascun occhio.

Con il progredire dell’eta’ la vista puo’ modificarsi, la lente all’interno del nostro occhio perde gradualmente la capacita’ di cambiare la propria forma per mettere a fuoco.

Questa condizione e’ conosciuta come presbiopia. Si manifesta con una visione sfocata e annebbiata da vicino, migliorabile allontanandosi da cio’ che si osserva oppure aumentando l’illuminazione. La correzione avviene generalmente con l’utilizzo degli occhiali o delle lenti.

Molte persone soffrono anche di ipermetropia, ovvero una condizione in cui i raggi luminosi si concentrano dietro la retina rendendo la visione sfuocata. Nei giovani l’occhio riesce a compensare una ipermetropia moderata ma con l’avanzare dell’eta’ diventa sempre piu’ difficile vedere a fuoco sia da lontano che da vicino.

Con questa nuova tecnica e’ possibile quindi correggere alcuni dei piu’ comuni disturbi visivi. Il chirurgo dapprima applica delle gocce di collirio anestetico negli occhi, poi posiziona un divaricatore per mantenere aperte le palpebre.

Viene applicata una lente a contatto protettiva per effettuare il trattamento laser con precisione. Il paziente dovra’ rimanere fermo guardando verso l’alto durante il trattamento laser che dura circa tre secondi. L’intera procedura nei due occhi dura meno di dieci minuti.

Due anelli concentrici di spot laser vengono posizionati al di fuori dell’asse visivo, il laser provoca una modifica termica del profilo corneale senza quindi necessita’ di tagli e asportazione di tessuto.

L’effetto e’ praticamente immediato e dura fino a due anni.

Inoltre il trattamento puo’ essere ripetuto nel tempo con l’aumentare dell’eta’.

In Italia, l’Istituto Europeo di Microchirurgia Oculare (IEMO) di Udine sara’ il primo centro ad offrire ai pazienti il trattamento con Cheratoplastica Ottimale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi