Alzheimer: prospettive terapeuti…

Due farmaci in studio per…

La fluorescenza che delimita il …

[caption id="attachment_7…

Enfisema: predire la patologia c…

Un semplice esame del san…

Esami di screening: nessun risco…

I check up per prevenire …

Geneticamente predisposti alla v…

Stare bene in salute, ave…

Sindrome da X fragile: trial di …

Il farmaco è progettato p…

Cellule staminali: "creata" cart…

Scienziati britannici han…

Occhiali anti jet-lag: dispositi…

La nuova arma contro il j…

Ictus: si sopravvive, ma serve l…

A confronto con il profes…

Il medico e il paziente: quando …

Presentato lo studio coor…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Trapiantato cuore artificiale in bimbo di 16 mesi all’ospedale Bambino Gesù

E’ stato impiantato al mese scorso all’ospedale pediatrico Bambino Gesu’ di Roma, il piu’ piccolo cuore artificiale in un bambino di appena 16 mesi. La notizia e’ stata data oggi a Roma nell’ospedale in vista della Giornata Nazionale per la Donazione di Organi.

L’apparecchio – mai utilizzato in precedenza – ha avuto bisogno di un apposito permesso per il suo primo impiego da parte della FDA (Food and Drug Administration) e del Ministero della Salute.

L’intervento, unico nel suo genere, si e’ reso indispensabile a causa della gravita’ delle condizioni di salute del piccolo che non gli avrebbero consentito di sopravvivere in attesa del trapianto di cuore e che, per le condizioni generali non erano compatibili con soluzioni temporanee di circolazione extracorporea.

” Il dispositivo – ha spiegato Antonio Amodeo Responsabile Unita’ di progetto Assistenza Meccanica del Bambino Gesu’ – una pompa al titanio di soli 11 grammi capace di sostenere una portata fino ad un 1,5 litri al minuto, e’ stato usato in urgenza su un piccolo di 16 mesi affetto da miocardiopatia dilatativa con una grave infezione del sistema di assistenza ventricolare precedentemente impiantato. Il cuore artificiale, prototipo di laboratorio sviluppato nell’ambito un programma di ricerca americano del National Institutes of Health, ha permesso il completamento dell’iter terapeutico del piccolo che e’ culminato con il trapianto cardiaco. Attualmente, ad oltre un mese dall’intervento, il bambino gode di buona salute”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: