Dalla vita delle staminali ripar…

[caption id="attachment_1…

Telethon: ricerca per mettere a …

Comunicato stampa - R…

Tumore al seno: diagnosi precoce…

[caption id="attachment_2…

Legalizzazione Cannabis: il PdL …

Per tutta la notte hanno…

Le vaccinazioni in età pediatric…

Il sostegno alle vaccinaz…

Neuroprotesi impiantabile e a lu…

Morbido, flessibile e dot…

Il potere anti-aging del cacao i…

Secondo lo studio di un'é…

Non solo i medici: anche le loro…

Martedì 14 ottobre, a Rom…

Un terzo delle donne con vescica…

[caption id="attachment_9…

Fibrosi cistica: a 20 anni dalla…

[caption id="attachment_1…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Dati Censis: Tac e RX grande richiesta nel privato, per l’attesa ridotta ad un quarto, ma costano il triplo

Boom del privato per Tac, ecografie, mammografie, Rx. Nel periodo 2005-2011 è infatti triplicata la percentuale di persone che hanno effettuato nel corso dell’anno accertamenti tramite la diagnostica per immagini in strutture private a pagamento intero.

Lo evidenzia una ricerca realizzata dal Censis per Assobiomedica, presentata oggi a Roma.
Si è passati dunque dal 5,6% del totale delle persone che hanno eseguito accertamenti medici privatamente nel 2005 a oltre il 18% nel 2011.

Ci si rivolge alle strutture private perché nel pubblico le liste d’attesa sono troppo lunghe: occorrono in media 58 giorni per accedere ad accertamenti tramite la diagnostica per immagini, contro i 38 giorni necessari nelle strutture private convenzionate e i 15 giorni appena nelle strutture private. Ma se nel privato a pagamento intero il tempo d’attesa è pari a un quarto rispetto al pubblico, i costi sono pari a più del triplo.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi