Allarme HIV: diagnosi tardive pe…

Tra i nuovi malati con Hi…

Depressione: il grado di gravità…

I modelli di discorso del…

SLA: farmaco sperimentale contro…

Un gruppo di scienziati …

Perché il corpo femminile ha un …

Il feto e la placenta so…

LA BARCACCIA SI COLORA DI VIOLA …

Giornata Mondiale Epiless…

Cloro in piscina con troppo clor…

E' fra gli sport più bene…

Dal CNR il ClopHensor, il biosen…

[caption id="attachment_8…

Artrite reumatoide: esame ecogra…

[caption id="attachment_1…

un'arteria artificiale, che sost…

[caption id="attachment_5…

Abbronzatura: il meccanismo biol…

Lo scorso anno un team di…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Dati Censis: Tac e RX grande richiesta nel privato, per l’attesa ridotta ad un quarto, ma costano il triplo

Boom del privato per Tac, ecografie, mammografie, Rx. Nel periodo 2005-2011 è infatti triplicata la percentuale di persone che hanno effettuato nel corso dell’anno accertamenti tramite la diagnostica per immagini in strutture private a pagamento intero.

Lo evidenzia una ricerca realizzata dal Censis per Assobiomedica, presentata oggi a Roma.
Si è passati dunque dal 5,6% del totale delle persone che hanno eseguito accertamenti medici privatamente nel 2005 a oltre il 18% nel 2011.

Ci si rivolge alle strutture private perché nel pubblico le liste d’attesa sono troppo lunghe: occorrono in media 58 giorni per accedere ad accertamenti tramite la diagnostica per immagini, contro i 38 giorni necessari nelle strutture private convenzionate e i 15 giorni appena nelle strutture private. Ma se nel privato a pagamento intero il tempo d’attesa è pari a un quarto rispetto al pubblico, i costi sono pari a più del triplo.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x