Batteri intestinali: spesso deli…

La scelta di un cibo piut…

Menopausa: cure sì, ma mirate

In occasione della gior…

Colesterolo: lo degrada un actin…

[caption id="attachment_7…

Un virus dietro le cause di un t…

[caption id="attachme…

[ASCO] Tumori della tiroide e de…

[caption id="attachment_7…

Sanofi firma a Palazzo Chigi il …

Riconosciuti 4,3 milion…

Epilessia: individuato un marcat…

Un marcatore utile per sv…

HIV: ricercatori spagnoli svelan…

Svelato il meccanismo di …

Obesità: individuati sette nuovi…

I geni responsabili del…

Apnea notturna e i rischi di ict…

Le persone che soffrono d…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Dati Censis: Tac e RX grande richiesta nel privato, per l’attesa ridotta ad un quarto, ma costano il triplo

Boom del privato per Tac, ecografie, mammografie, Rx. Nel periodo 2005-2011 è infatti triplicata la percentuale di persone che hanno effettuato nel corso dell’anno accertamenti tramite la diagnostica per immagini in strutture private a pagamento intero.

Lo evidenzia una ricerca realizzata dal Censis per Assobiomedica, presentata oggi a Roma.
Si è passati dunque dal 5,6% del totale delle persone che hanno eseguito accertamenti medici privatamente nel 2005 a oltre il 18% nel 2011.

Ci si rivolge alle strutture private perché nel pubblico le liste d’attesa sono troppo lunghe: occorrono in media 58 giorni per accedere ad accertamenti tramite la diagnostica per immagini, contro i 38 giorni necessari nelle strutture private convenzionate e i 15 giorni appena nelle strutture private. Ma se nel privato a pagamento intero il tempo d’attesa è pari a un quarto rispetto al pubblico, i costi sono pari a più del triplo.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi