Progetto Athena scopre il segret…

Ricercatori del progetto …

Ingegneria dei tessuti: vene bio…

Scienziati americani hann…

Endometriosi: fino al 10% posson…

L'endometriosi è una pato…

I dati relativi all’impiego, in …

Milano, 29 ottobre 2013 –…

Farmaci tiroide: raccomandazioni…

'Fino a quando non sarann…

PSA e tumore alla prostata: occh…

Ogni anno in Italia si re…

Un disordine dell'orecchio potre…

Disordini dell'orecchio i…

Cattivo umore: non è sempre nega…

Essere scontrosi e di cat…

Neuroni: scoperto il meccanismo …

E' possibile produrre piu…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Dopamina: neurotrasmettitore tra pigrizia e iperattività

Pigri e svogliati o lavoratori indefessi? Il segreto starebbe in un neurotrasmettitore: la dopamina. Lo rivela uno studio della Vanderbilt University, pubblicato sul ‘Journal of Neuroscience’.

Stando alla ricerca, infatti, le persone che investono molto sul lavoro – anche a fronte di guadagni non proprio immediati – presentano una maggiore attività della dopamina nel corpo striato e nella corteccia prefrontale ventromediale, due aree del cervello importanti nel meccanismo della ricompensa e della motivazione.
Al contrario, i meno propensi a dare il massimo presentano livelli più elevati del neurotrasmettitore nell’insula, una regione del cervello coinvolta nella percezione, nel comportamento sociale, e nell’autoconsapevolezza. I ricercatori guidati da Michael Treadway hanno coinvolto venticinque giovani volontari in un test per vedere quanto duramente fossero disposti a lavorare per una ricompensa in denaro.

I ragazzi potevano scegliere tra un ‘compito facile’ o uno ‘difficile’, e una ricompensa variabile da 1 a 4 dollari. Il tutto premendo rapidamente un pulsante. Così si è visto che alcuni accettavano sfide più dure con la prospettiva di guadagnare più soldi, mentre i meno motivati rinunciavano anche a provare, se pensavano che l’impresa costasse troppo sforzo.
Ma allora i partecipanti che hanno fatto la scelta più facile sono ‘pigri’? “Di sicuro sono meno motivati”, spiega Treadway, e questo a causa della diversa percezione della ricompensa e del rischio da parte del cervello: alcune persone sono più disposte ad assumersi rischi e a spendere energia per una ricompensa improbabile ma maggiore. In una sessione separata, i ragazzi erano stati sottoposti a una tomografia a emissione di positroni (Pet), che misurava l’attività della dopamina in diverse parti del cervello. I ricercatori hanno poi cercato una relazione tra reattività della dopamina e punteggi al test. Così si è visto che i soggetti con un’attività maggiore della dopamina nell’insula sono i meno propensi a ‘faticare’, anche se c’è in ballo la possibilità di una ricompensa maggiore. “Questi risultati mostrano per la prima volta che l’aumento della dopamina nell’insula è associato a una ridotta motivazione”. Dunque “gli effetti comportamentali dei farmaci dopaminergici possono variare a seconda di dove agiscono nel cervello”, dice Treadway.(ADNKRONOS)

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!