"Nuovi anticoagulanti orali: in…

Sintesi interventi relato…

Dolore cronico nei pazienti anzi…

Tecniche di comunicazione…

Molte amicizie (vere) su Faceboo…

Buone notizie per gli ama…

Scoperta una proteina che rallen…

Bloccando una proteina c…

Dolore Cronico per oltre 745.000…

Il 15 ottobre, arriva in …

Sclerosi multipla: differenze ce…

La differenza che c'e' tr…

Marijuana e salute: una relazion…

L’uso abituale di marijua…

Broccoli anti-cancro, ma collabo…

[caption id="attachment_…

Staminali per la rigenerazione d…

[caption id="attachment_8…

Bambini all'aria aperta anche d'…

Le precauzioni per evitar…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

H5N1: identikit di un supervirus, pubblicato su Nature

Pubblicato sulla rivista Nature uno dei due studi che nei mesi scorsi aveva sollevato diverse polemiche per aver creato in laboratorio una“super-versione” mutante del virus dell’influenza aviaria, l’H5N1, in grado di diffondersi con facilità tra i mammiferi.

La ricerca, firmata da Yoshihiro Kawaoka dell’Università del Wisconsin-Madison (Usa), insieme a unostudio parallelo condotto sullo stesso argomento da Ron Fouchier dell’Erasmus Medical Centre di Rotterdam (Olanda), è stata accusata di favorire potenzialmente il bioterrorismo. Il National Science Advisory Board for Biosecurity statunitense, dopo i controlli effettuati in seguito alle polemiche, ha dato il via libera alla pubblicazione di entrambe le ricerche, rispettivamente sulle pagine di Nature e di Science, lo scorso aprile.
Il virus ottenuto unisce la mortalità del virus dell’aviaria (un tasso di decessi del 60%) e la rapidità di contagio della suina (la pandemia influenzale del 2009).

Dai due esperimenti emerge che la distanza fra un normale virus dell’aviaria o della suina e il supervirus ottenuto dagli scienziati è breve: si tratta di 4 mutazioni del genoma nel caso dell’esperimento del Wisconsin e di 5 in quello di Rotterdam. Il timore è che ciò che in laboratorio è stato ottenuto con relativa facilità possa prima o poi accadere spontaneamente in natura.(Salute – Il Sole 24)

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!