Infarto: nelle donne è conseguen…

Le giovani donne most…

Epatite C: gli esperti consiglia…

Trattare tutti i pazienti…

L'occhio della donna ha le pupil…

Un nuovo studio dell'Univ…

TBC e malattie autoimmuni: scope…

Pubblicato sulla rivi…

Virus Ebola: due farmaci per com…

Medicinali “biologici” us…

L’equivalenza terapeutica tra or…

L’AIFA ha chiarito al di …

Sclerosi multipla: il 30 Maggio …

In occasione della XV Set…

Tessuto del fegato ottenuto "sta…

Si avvicina la produ…

Nuovo pancreas nell'intestino de…

Creare un 'nuovo pancreas…

Tumori: statine possono rallenta…

Le statine, noti farmaci …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

L’ipertensione coinvolge 15 milioni di persone: la metà delle quali non lo sa.

”Vita sana, pressione sana”: questo il messaggio dell’ VIII Giornata Mondiale contro l’Ipertensione Arteriosa in programma il 17 maggio 2012 e promossa in tutto il mondo dalla World Hypertension League.


Un progetto di intervento che la SIIA (Societa’ Italiana dell’Ipertensione Arteriosa), il cui Presidente e’ Massimo Volpe, intende realizzare anche quest’anno aderendo all’importante evento e promuovendo, a livello nazionale, iniziative di informazione e sensibilizzazione dell’opinione pubblica sul tema dell’ipertensione arteriosa e delle patologie ad essa correlate.

In occasione della manifestazione, con il supporto della Croce Rossa Italiana, saranno allestite in circa 70 capoluoghi di provincia, numerose postazioni mediche per dare l’opportunita’ a tutti i cittadini di effettuare il controllo gratuito della pressione.

La stessa possibilita’, senza bisogno di alcuna prenotazione, sara’ offerta presso i numerosi Ambulatori e Centri Ospedalieri Specializzati messi a disposizione per la giornata ed in tutte le Farmacie (circa 3.000) aderenti all’iniziativa.

L’ipertensione arteriosa rappresenta una delle patologie piu’ diffuse del nostro secolo, ma ancora sottovalutata e molto pericolosa.

In Italia ne soffrono circa 15 milioni di persone, ma solo la meta’ sa di essere iperteso e solo 1 su 4 si rivolge ad un medico o fa ricorso ad una terapia farmacologia adeguata.

Uno studio internazionale riporta che la prevalenza e’ maggiore nell’uomo (33% vs 27%) fino ai cinquant’anni di eta’, successivamente diventa piu’ alta nelle donne.

Se non diagnosticata in tempo, l’ipertensione arteriosa, spesso causata da uno stile di vita non sano, puo’ essere causa di infarto del miocardio, ictus cerebrale, scompenso cardiaco, insufficienza renale o ancora generare malattie non mortali, ma comunque invalidanti quale, ad esempio, la retinopatia.

La Campagna Mondiale di sensibilizzazione per la lotta all’ipertensione arteriosa e la Giornata Mondiale contro l’Ipertensione Arteriosa si svolgono sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica, con il Patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri e del Ministero della Salute ed in collaborazione con la Croce Rossa Italiana, la Federazione Ordini Farmacisti Italiani e Federfarma.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi