Il consumo di prugne secche nell…

I risultati di uno studio…

Tumori: proteine marker del papi…

A seconda del ceppo o del…

Cervello: nessuna differenza tra…

Dimenticate la teoria sec…

Melanoma: colpire l'angiogenesi …

Novita' importanti per co…

Stress ossidativo: Telethon svel…

Dalla ricerca Telethon su…

Nei prossimi cinque anni più del…

Secondo gli esperti, nei …

Studio conferma la possibilita' …

Alcuni ricercatori tedesc…

Cancro alla prostata: un test ge…

Un nuovo test genetico …

Demenza: diversi tipi, diverse t…

Riuscire a differenziare …

Un gene che modifica le cellule …

Ricercatori americani han…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Malaria: tuta insetticida a protezione

E’ una tuta con cappuccio all’ultima moda il nuovo prodotto contro la malaria. I ricercatori della Cornell University negli Stati Uniti e un fashion designer africano hanno sviluppato un abito il cui tessuto contiene insetticidi contro le zanzare a livello molecolare.

L’abito puo’ essere indossato tutto il tempo per fornire protezione extra e al contrario degli unguenti antizanzare la sua azione non svanisce nel tempo. “La malaria uccide ogni anno 655mila persone nel continente africano. Il modo piu’ comune per difendersi sono le zanzariere trattate con insetticidi, ma la loro azione e’ limitata e non si puo’ rimanere sempre al chiuso”, ha spiegato Frederick Ochanda, del dipartimento di scienze del design e del vestiario presso la Cornell e originario del Kenya. “Il tessuto del nostro abito, resistente agli strappi, contiene invece insetticidi fin nella struttura molecolare, sottoforma di composti cristallini inseriti nella trama.

Questo lo rende capace di contenere 3 volte piu’ insetticida rispetto alle reti, da cui normalmente evapora dopo 6 mesi”. L’abito, un monopezzo viola, blu e dorato, e’ stato presentato al Cornell Fashion Collective Spring Fashion Show. “Le persone continuano ad ammalarsi e a morire di malaria. Unendo moda e scienza, speriamo di inspirare le persone a sostenere questa nuova tecnologia” ha detto Ochanda.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!