Quando il dolore cronico altera …

[caption id="attachment_7…

Scienziati spiegano come le cell…

La questione di come sing…

Dalla propoli, nuova arma contro…

Dalla propoli, un princip…

Il "caso Stamina" arriva su "Nat…

Il caso Stamina appro…

Cellule cardiache, i cardiomioci…

L'iniezione di un gene è …

COMUNICAZIONE DIGITALE: ECCO LE…

Consegnati gli AboutPha…

Dopo Federsalus, anche l'Associa…

L’European Federation of …

Protesi retinica: l'occhio bioni…

Losanna, Svizzera, 3 otto…

[ADUC] Cellule staminali per rip…

Ci sono studi che possono…

Sclerosi multipla e cellule stam…

Ad un anno dall'avvio del…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Meningite di tipo B: passi avanti grazie ad un vaccino

Pubblicati su Lancet Infectious Diseasesi risultati di uno studio che promette nuovi passi in avanti nella messa a punto di un vaccino contro la meningite sierogruppo B, il sottotipo più diffuso in Europa e Nord America e responsabile di centinaia di decessi all’anno.

La ricerca, guidata dall’University of Western Australia, è stata condotta su un gruppo di teenager australiani, polacchi e spagnoli e ha messo in evidenza che il vaccino è in grado di generare anticorpi attivi contro il 90% delle forme di meningite B, senza sviluppare importanti effetti collaterali. “I nostri dati suggeriscono che questo vaccino promette di essere ampiamente protettivo per il sierogruppo meningococcico B – spiega Peter Richmond, a capo del progetto -.


I risultati mostrano che tre dosi producono una risposta immunitaria fra l’80 e il 100% degli adolescenti”.

Tre sono i tipi di meningite esistenti, noti come sierogruppo A, B e C. Il sottotipo A è la causa primaria della meningite epidemica in Africa, mentre il sierogruppo B è prevalente nei paesi industrializzati. Attualmente esistono vaccini contro i tipi A e C, ma non contro il B.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi