TAC: radiazioni di gran lunga pi…

Washington, 15 dic. - Le …

Meningite: arriva primo vaccino …

[caption id="attachment_9…

Alzheimer: nuovo farmaco per ric…

Un farmaco contro l'A…

Le capacità dei virus di rubare …

L'analisi genetica di un …

Con la app 'Giroclinico' la stor…

Il Policlinico di Milano …

Virus H7N9 mutato: ora, resisten…

Il ceppo cinese del virus…

Occhio al diabete di cani e gatt…

Novembre è il mese della …

Fibrosi cistica: gli estrogeni p…

Pubblicato sul "New Engla…

Tumori: "No" secco dei chirurghi…

Il secco no alla chirur…

I sulfamidici potrebbero tornare…

I principali effetti …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Riparare i muscoli danneggiati del cuore con la miniera di staminali presenti nel tessuto epiteliale

Riparare i muscoli danneggiati del cuore con cellule staminali prelevate dal tessuto epiteliale. E’ il passo avanti ottenuto in laboratorio da ricercatori israeliani che spiegano di essere riusciti “a trasformare le cellule staminali presenti nella pelle di pazienti con problemi cardiaci in nuovo tessuto muscolare da poter reimpiantare nel loro cuore”. Inoltre avvertono “che con questo sistema, per ora in fase sperimentale, si potrebbe evitare il pericolo del rigetto dei nuovi tessuti una volta impiantati”. La ricerca è stata pubblicata sull”European Heart Journal’.
I ricercatori hanno prelevato le cellule della pelle da due uomini con insufficienza cardiaca. In seguito la hanno mixate in laboratorio con un ‘cocktail’ di geni e sostanze chimiche per creare il trattamento definitivo con le cellule staminali. Il risultato – avvertono – sono cellule identiche alle gemelle sane del muscolo cardiaco. Così una volta trapiantate nei topi – precisa la ricerca – le cellule hanno iniziato ad interagire con il tessuto cardiaco circostante.

“La novità – afferma Lior Gepstein, autore dello studio – è che abbiamo iniziato dimostrando che è possibile prendere cellule dalla pelle di un paziente anziano con uno avanzato scompenso cardiaco e finito verificando che, dopo la sperimentazione, le sue stesse cellule del cuore, in laboratorio, erano sane e giovani. L’equivalente – conclude – delle cellule cardiache di un essere umano appena nato”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi