Batterio Tubercolosi: è africano…

Il batterio della tub…

Tumori del sangue: tre geni deci…

TP53, RUNX1 e ASXL1 son…

Meningococco: aumentano i rischi…

Per i bambini sotto i 5 a…

Cattivo umore: non è sempre nega…

Essere scontrosi e di cat…

Nei prossimi cinque anni più del…

Secondo gli esperti, nei …

Tumore ai polmoni: la chemio eff…

Più efficace della ta…

Coppa Davis: Mundipharma al fian…

Supportato da Mundipharma…

Come il cervello corregge "il ti…

Quando siamo tristi, il m…

Ricercatori ottengono gameti da …

Trasformare cellule stami…

SIPPS: “Grazie al Presidente del…

La Società Italiana di Pe…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Sangue: usare la luce per esaminarlo attraverso la pelle. Vorrebbe dire addio aghi

Buone notizie per chi ha la fobia degli aghi: un gruppo di ricercatori dell’Israel Institute of Technology ha sviluppato un nuovo sistema che permette di visualizzare il flusso del sangue in tempo reale attraverso una luce posizionata sulla pelle. L’apparecchio ha dimensioni compatte e permette di ottenere immagini ad alta definizione del sangue senza ricorrere ad aghi o liquidi fluorescenti, fornendo le stesse informazioni di un test del sangue tradizionale. La ricerca e’ stata pubblicata sulla rivista Biomedical Optics Express.


“Abbiamo inventato un nuovo microscopio capace di vedere i singoli globuli mentre scorrono nel nostro organismo”, ha detto Lior Golan, membro del gruppo di ricerca. “La nostra tecnica si basa sul sistema detto ‘spectrally encoded confocal microscopy’, che crea immagini dividendo la luce nei suoi colori costituenti. Questi vengono disposti in linea, e la luce arcobaleno viene appoggiata sulla pelle sopra i vasi sanguigni superficiali. Il modo in cui le cellule attraversano i vari colori della luce viene poi analizzato in modo da creare un’immagine bidimensionale del vaso sanguigno”. Simili metodi per scansionare le cellule in tempo reale esistono gia’, ma per Golan e colleghi il vantaggio di questo sistema sta nella sua portabilita’: “L’apparecchio non e’ piu’ grande di una scatola di scarpe e potrebbe essere utilizzato dai medici d’emergenza o nelle aree rurali, dove non si possono portare pesanti equipaggiamenti, per analisi rapide”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi