Talassemia: il deferiprone si ri…

[caption id="attachment_9…

Il polimorfismo dello Streptococ…

Cambia faccia rapidamente…

Tumori: esperti riuniti traccian…

Esperti riuniti all'Istit…

Nuovi dati indicano che idaruciz…

Idarucizumab, a cui …

Telemonitoraggio dei dispositivi…

Da un'indagine compiuta p…

Antitumorali tossici se manca la…

[caption id="attachment_9…

Tumore al colon-retto: con 52.00…

Migliora la sopravviven…

Alzheimer: inizio di una rischio…

Una nuova ricerca dell’Un…

Neurostemcell fa progredire la r…

Mediante una continua coo…

Gli effetti terapeutici dei ferm…

[caption id="attachment_6…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Scoperta una proteina che stimola il grasso bruno a bruciare le calorie

Individuata la proteina che stimola il grasso bruno a bruciare le calorie. E’ quanto emerge da uno studio dei Metabolic Research Laboratories dell’Institute of Metabolic Science, University of Cambridge, pubblicato sulla rivista Cell.

Gli scienziati hanno scoperto che la proteina BMP8B agisce su uno specifico sistema metabolico (che opera nel cervello e nei tessuti) per regolare il grasso bruno, il tipo di tessuto adiposo che brucia i grassi per produrre calorie in un processo noto come termogenesi. Il tessuto adiposo bruno si differenzia da quello bianco che invece immagazzina il grasso.

La ricerca del team inglese e’ stata condotta sui topi e ha mostrato che quelli privi della proteina BMP8B non riuscivano a mantenere facilmente una temperatura corporea normale ed erano diventati molto piu’ obesi dei topi ‘normali’, soprattutto se nutriti con una dieta ricca di grassi. Quando le cellule di grasso bruno sono state trattate con la proteina, hanno attivato in modo piu’ significativo il sistema nervoso e hanno provocato una perdita di peso nei topi senza un parallelo aumento della fame. “Altre proteine possono aumentare la produzione di calore nel grasso bruno – ha dichiarato Andrew Whittle, uno degli autori dello studio – come per esempio l’ormone tiroideo, ma spesso hanno effetti importanti anche su altri organi e pertanto non sono buoni obiettivi per lo sviluppo di trattamenti per la perdita di peso”. Gli scienziati ritengono che questa proteina potrebbe essere d’ausilio nel perdere peso soprattutto dopo la fase iniziale di una dieta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi