Bambino di 6 anni morto di malar…

Dichiarazione della Prof.…

Tumori: il Veneto prima regione …

Per scoprire un tumor…

Crio-chirurgia con tecnica minii…

Un'equipe multidisciplina…

Alzheimer: ecco come la caffeina…

Scoperto il motivo per cu…

Boehringer Ingelheim annuncia i …

 L’80% dei pazienti …

Creato topolino ossessivo per st…

[caption id="attachment_7…

Vietare il fumo anche in auto, i…

'I nostri figli inizian…

Pediatri di famiglia: SIP, così …

La FIMP avvia un sondaggi…

Verso la fertilità degli ovuli o…

Se le autorità britannich…

Legumi ottimi deterrenti per tum…

Mangiare almeno tre volte…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Autismo, possono contribuire alle cause anche la presenza di farmaci psicoattivi

A causa della presenza di farmaci psicoattivi nell’acqua, alcuni pesci d’acqua dolce hanno mostrato un’espressione genica che somiglia allo schema dello spettro autistico.

Sono i risultati di uno studio della Idaho State University, pubblicato su PLoS ONE, che ipotizza un innesco ambientale per l’autismo ma solo in presenza di una predisposizione. I ricercatori hanno scoperto che l’esposizione a farmaci psicoattivi puo’ giocare un ruolo nello sviluppo del disordine in individui geneticamente predisposti.

Gli studiosi, guidati da Michael A. Thomas, hanno esposto il pesce a tre farmaci psicoattivi: fluoxetina, un inibitore della ricaptazione della serotonina nei neuroni centrali; venlafaxina, in ibitore della ricaptazione della serotonina e della noradrenalina; e carbamazepina, utilizzato per controllare le crisi, in concentrazioni paragonabili a livelli ambientali stimati piu’ alti. “Mentre altri hanno immaginato un ruolo causale per i farmaci psicotropi nell’autismo idiopatico, cioe’ senza causa apparente – ha detto Thomas – ci ha stupito trovare le prove che questo possa accadere anche a dosaggi molto bassi, come quelli che si trovano nei sistemi acquatici”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi