Virus HIV: scoperta dinamica gem…

Da tempo è stato provato …

Nel DNA le orme dell'infinita lo…

Dalla peste bubbonica all…

Dalle crucifere un composto (sul…

Un composto contenuto nel…

Legame 'chimico' tra padre e fig…

[caption id="attachme…

Parkinson attivato 'in vitro' pe…

[caption id="attachment_1…

Il colesterolo "brutto" e le imp…

Il rischio di malattie ca…

Mieloma multiplo: suggerimenti d…

Perché un tumore risponde…

Da oggi in Italia è disponibile …

[caption id="attachment_1…

Presto un esame per predire risc…

[caption id="attachment_9…

Mini-ictus riducono le aspettati…

Un 'mini-ictus', un attac…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Autismo, possono contribuire alle cause anche la presenza di farmaci psicoattivi

A causa della presenza di farmaci psicoattivi nell’acqua, alcuni pesci d’acqua dolce hanno mostrato un’espressione genica che somiglia allo schema dello spettro autistico.

Sono i risultati di uno studio della Idaho State University, pubblicato su PLoS ONE, che ipotizza un innesco ambientale per l’autismo ma solo in presenza di una predisposizione. I ricercatori hanno scoperto che l’esposizione a farmaci psicoattivi puo’ giocare un ruolo nello sviluppo del disordine in individui geneticamente predisposti.

Gli studiosi, guidati da Michael A. Thomas, hanno esposto il pesce a tre farmaci psicoattivi: fluoxetina, un inibitore della ricaptazione della serotonina nei neuroni centrali; venlafaxina, in ibitore della ricaptazione della serotonina e della noradrenalina; e carbamazepina, utilizzato per controllare le crisi, in concentrazioni paragonabili a livelli ambientali stimati piu’ alti. “Mentre altri hanno immaginato un ruolo causale per i farmaci psicotropi nell’autismo idiopatico, cioe’ senza causa apparente – ha detto Thomas – ci ha stupito trovare le prove che questo possa accadere anche a dosaggi molto bassi, come quelli che si trovano nei sistemi acquatici”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi