Stato ipnotico: scienziati getta…

Esiste davvero uno stato …

Divisione cellulare: svelato il …

[caption id="attachment_5…

Sensore intelligente: 5 secondi …

[caption id="attachme…

Bambini esposti a violenza tra l…

I bambini esposti a viole…

Sclerosi Laterale Amiotrofica: a…

Avviata presso l'Universi…

Lotta al diabete: Verso la partn…

Il diabete colpisce quasi…

Gas intestinali possono essere a…

Il gas presente nel nostr…

Cancro ai polmoni: tra le donne …

Il cancro al polmone è de…

Batterio della peste bubbonica d…

L'analisi dei ricercatori…

Il fungo della formica zombi

L'anomalo comportamento d…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Autismo, possono contribuire alle cause anche la presenza di farmaci psicoattivi

A causa della presenza di farmaci psicoattivi nell’acqua, alcuni pesci d’acqua dolce hanno mostrato un’espressione genica che somiglia allo schema dello spettro autistico.

Sono i risultati di uno studio della Idaho State University, pubblicato su PLoS ONE, che ipotizza un innesco ambientale per l’autismo ma solo in presenza di una predisposizione. I ricercatori hanno scoperto che l’esposizione a farmaci psicoattivi puo’ giocare un ruolo nello sviluppo del disordine in individui geneticamente predisposti.

Gli studiosi, guidati da Michael A. Thomas, hanno esposto il pesce a tre farmaci psicoattivi: fluoxetina, un inibitore della ricaptazione della serotonina nei neuroni centrali; venlafaxina, in ibitore della ricaptazione della serotonina e della noradrenalina; e carbamazepina, utilizzato per controllare le crisi, in concentrazioni paragonabili a livelli ambientali stimati piu’ alti. “Mentre altri hanno immaginato un ruolo causale per i farmaci psicotropi nell’autismo idiopatico, cioe’ senza causa apparente – ha detto Thomas – ci ha stupito trovare le prove che questo possa accadere anche a dosaggi molto bassi, come quelli che si trovano nei sistemi acquatici”.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!