Canagliflozin ottiene parere pos…

Beerse, Belgio, 20 settte…

Alimentazione in gravidanza: noc…

I bambini hanno un rischi…

Giornata mondiale dell'autismo: …

''Gli autistici sono per…

Tumori: scoperto ruolo cruciale …

Potrebbe essere una scope…

La cura del diabete con le stami…

Staminali come fabbr…

AboutPharma Digital Awards 2014:…

Premiata per la categoria…

La Società Italiana di Pediatria…

Secondo la SIPPS la propo…

Carcinoma mammario: un nuovo tra…

Risultati positivi per lo…

L'accesso alle cure palliative e…

PROSPETTIVE E IMPATTO D…

A/H1N1: da novembre il vaccino

[caption id="attachme…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Disordine bipolare: ketamina dona sollievo in pochi minuti

Gli effetti del disordine bipolare, che causa severi cambi d’umore tra mania e depressione, possono essere contrastati dalla somministrazione di ketamina. Lo rivela una nuova ricerca pubblicata sulla rivista ‘Biological Psychiatry’. I ricercatori del National Institute of Mental Health anno scoperto che il medicinale agisce nell’arco di pochi minuti e riduce sia lo stato depressivo associato al disturbo bipolare, sia le tendenze suicide che spesso accompagnano le fasi di umore negativo. “Il disturbo bipolare puo’ essere seriamente debilitante: gli episodi possono durare giorni o mesi e il rischio di suicidio e’ alto”, ha spiegato Carlos Zarate, ricercatore a capo dello studio, “spesso si prescrivono antidepressivi, ma la loro efficacia non e’ universale e i pazienti devono provare molti tipi diversi di farmaco prima di trovare quello che funzioni. Abbiamo somministrato a un gruppo di pazienti bipolari una dose di ketamina e un placebo in due fasi separate, e chiesto loro di giudicare gli effetti della somministrazione sulla loro depressione”.


E’ emerso, ha proseguito, “che la ketamina migliora i sintomi della depressione nell’arco di 40 minuti. Il 79 per cento dei pazienti ha dichiarato di sentirsi meglio con la ketamina, mentre nessuno di loro ha notato alcun effetto positivo con il placebo”. Inoltre, la ketamina ridurrebbe notevolmente anche il numero di pensieri suicidi nell’arco di un’ora. “Considerando che il disturbo bipolare e’ uno dei piu’ letali della psichiatria, questi risultati potrebbero avere delle grandi conseguenze sulla pubblica salute” ha aggiunto Zarate.

1 comment

  1. franca

    Mi chiedo, tuttavvia, se può creare dipendenza e se nel lungo periodo, come la maggior parte dei farmaci, si crea assuefazione e conseguente calo della risposta con rischi connessi..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi