Resveratrolo: molecola miracolos…

Il resveratrolo, la cosid…

Stress cronico: scoperto il proc…

La somministrazione ai to…

Aiuti "di ferro" riducono l'affa…

I supplementi al ferro s…

Per riparare vasi sanguigni l'ok…

[caption id="attachment_8…

Scoperto enzima responsabile neo…

Una ricerca dell'Istituto…

Cancro al seno e cancro ovarico:…

Uno studio genomico ha ri…

Nuovo contraccettivo ormonale so…

Arriva nel nostro paese u…

Endometriosi: il ruolo chiave de…

Un passo in avanti verso …

La crescita cerebrale che eviden…

[caption id="attachment_8…

Allarme insonnia: oltre un milio…

Ciondolano sonnolenti su…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Il primo aiuto alle Aziende colpite dal terremoto è il pagamento dei crediti che vantano dallo Stato

Il distretto biomedicale emiliano, devastato dal sisma, è un’eccellenza internazionale che, però, soffre da tempo dei gravi ritardi nei pagamenti da parte dell’amministrazione pubblica. “Il primo e fondamentale aiuto alla ricostruzione delle imprese è che gli venga corrisposto quello che si sono guadagnati con la ricerca e il lavoro” dice Giuseppe Degrandi, membro del Consiglio Direttivo Assogenerici

Roma, 4 giugno 2012 – Come è giusto, immediatamente dopo il sisma che ha colpito le province di Modena e Ferrara, sono fiorite in questi giorni ipotesi su come e dove reperire i fondi da destinare alla ricostruzione. “Senza scendere nel merito della valutazione sulle varie proposte, ci domandiamo”, si chiede Giuseppe Degrandi, membro del Consiglio Direttivo Assogenerici, con delega ai ritardi di pagamento della pubblica amministrazione, “come mai a nessuno sia venuto in mente, con la lodevole eccezione dell’ASL di Salerno, di far sì che vengano saldati i crediti che le aziende danneggiate dal sisma vantano nei confronti dell’Amministrazione pubblica”.
Quello colpito dal terremoto, come noto, è uno dei distretti industriali più importanti d’Italia, dove sono concentrate molte aziende, in particolare del settore biomedicale, che sono fra le più esposte nei confronti della Pubblica Amministrazione. Tanto è vero che molti giornali, tutti, si sono giustamente dilungati sia sui pregi del distretto del biomedicale emiliano, sia sul serio rischio che, con la forzata inattività, le aziende siano scalzate dalla concorrenza internazionale.


“E’ un dovere per tutti i cittadini fare la propria parte di fronte a queste catastrofi, ma lo Stato non può dimenticare di essere il principale debitore delle aziende, che non paga  per i beni e i servizi che gli sono stati forniti”, riprende Degrandi. “Non sarebbe serio e corretto aiutare veramente le aziende colpite dal sisma iniziando con il riconoscergli innanzitutto ciò che gli è dovuto e permettendogli di avere a disposizione soldi che gli spettano? Non sarebbe efficace più di ogni altra cosa, e rispondente ai bisogni di crescita avere a fianco uno Stato alleato, interessato, attento, che potrebbe veramente, una volta tanto, dare alle aziende l’unico vero strumento per ricostruire e crescere che sono i soldi legittimamente guadagnati attraverso l’attività d’impresa? C’è un proverbio inglese che dice che i soldi che arrivano subito sono come il lievito: sono certo che tecnici di esperienza internazionale come quelli dell’attuale Governo lo conoscono”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi