Epatite: minsalute, emergenza C

Nel nostro Paese c'e' "un…

AIDS: il Premio Nobel, possibile…

Una cura scientificamente…

I pediatri italiani a Balduzzi: …

Un messaggio chiaro dal c…

Fecondazione eterologa: sulla do…

“In qualità di società sc…

Olfatto in laboratorio, o naso a…

[caption id="attachment_7…

Le Minacce alla Qualità del Farm…

A Milano una Tavola Roton…

Dengue: cambiamenti climatici e …

Se non rallentano, gli ef…

La "luce in fondo al tunnel" del…

Circa il 20% di chi s…

La demenza cancella anche il ric…

[caption id="attachment_7…

Le strategie biologiche anticanc…

Molto più longevo degli a…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

L’Alzheimer, si “tramanda” da neurone a neurone

Le proteine ‘tossiche’ alla base della degenerazione causata dal morbo di Alzheimer si trasferirebbero da neurone a neurone. Scienziati svedesi della Linkoping University, in uno studio pubblicato sul Journal of Neuroscience, hanno condotto esperimenti su colture neuronali, in cui hanno iniettato, con un ago molto sottile, piccoli gruppi di betamiloidi – gli oligomeri, che sembrano essere la forma tossica che distrugge gradualmente le cellule cerebrali – colorati con una sostanza rossa fosforescente chiamata TMR. Il giorno successivo anche i neuroni vicini si erano tinti di rosso. Per capirne il meccanismo i ricercatori, guidati da Martin Hallbeck, professore associato di Anatomia Patologica, hanno condotto esperimenti con neuroni umani maturi colorati di verde e poi mescolati ad altri rossi. Dopo un giorno, circa la meta’ delle cellule verdi era entrata in contatto con alcune di quelle rosse e, dopo altri due giorni, gli assoni avevano perso la loro forma e gli organelli nel nucleo cellulare mostravano le prime ‘crepe’.


“La diffusione del morbo di Alzheimer, che puo’ essere studiato tramite i cervelli di pazienti che ne sono affetti – ha spiegato Hallbeck – segue sempre il medesimo schema. Ma finora non era stato capito come e perche’. Nel nostro esperimento, a poco a poco si sono ammalate sempre piu’ cellule verdi: quelle che non erano state accostate agli oligomeri non sono state colpite” .

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi