Nuovi risultati confermano le ev…

  I dati presentati al C…

Esofago di Barret: nuovi studi s…

L'incidenza del tumore ne…

Difetto genetico alla base dell'…

[caption id="attachment_6…

Il fumo passivo, provato, aumen…

[caption id="attachme…

Digossina e decessi: uno strano …

La digossina, farmaco com…

La vista presto 'risarcita' da u…

Permettere ai non vedenti…

Memoria epigenetica delle piante…

L'inattivazione del gene …

Nanoparticelle d'oro contro il m…

Microsfere in oro zecchin…

L'importanza del sonno sulla mem…

Il sonno rafforza la memo…

Nuove giornate pediatriche sirac…

La SIPPS (Società Italian…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Perché il corpo femminile ha un sistema immunitario che non rigetta il feto

Il feto e la placenta sono dal punto di vista genetico come dei corpi estranei per la madre, eppure il suo sistema immunitario non li rigetta in quanto tessuti estranei. Ora un nuovo studio pubblicato su ‘Science’ rivela il perche’ di questo fenomeno, offrendo una risposta a una delle classiche domande della biologia riproduttiva e dell’immunulogia dei trapianti. I ricercatori della NYU School of Medicine negli Stati Uniti hanno infatti scoperto che l’impianto dell’embrione causa l’inattivazione di un percorso molecolare essenziale al sistema immunitario per attaccare i corpi estranei.


“Una delle tipiche risposte del corpo umano contro i tessuti estranei trapiantati e’ la produzione di chemochine, che reclutano cellule immunitarie tra cui le cellule T”, ha spiegato l’autore dello studio, Adrian Erlebacher. “Tuttavia, abbiamo scoperto che le cellule T non riescono ad attaccare il feto e la placenta: questo perche’ l’inizio della gravidanza disattiva certi geni delle chemochine, le quali di conseguenza non si accumulano nella zona dove si e’ impiantato l’embrione”.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x