Infarto: il 50% di probabilità i…

Le persone con Hiv hanno…

Celiachia nel bambino: conoscerl…

Milano, 15 settembre 2014…

La firma genetica dei casi 'cent…

[caption id="attachment_8…

Nevralgia post-erpetica: nuova s…

E' un nemico insidioso,…

Amianto: nasce il portale a disp…

Edifici, scuole, caserme,…

Tumori: nanoparticelle per attac…

Pubblicati su Pnas i prim…

Individuati marcatori tumorali t…

[caption id="attachment_8…

Obesità: il palloncino intragast…

Novita' contro l'obesita'…

Spray 'ormonato' per addolcire i…

[caption id="attachment_7…

Fumo: vizio, dipendenza e deside…

[caption id="attachment_7…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Perché il corpo femminile ha un sistema immunitario che non rigetta il feto

Il feto e la placenta sono dal punto di vista genetico come dei corpi estranei per la madre, eppure il suo sistema immunitario non li rigetta in quanto tessuti estranei. Ora un nuovo studio pubblicato su ‘Science’ rivela il perche’ di questo fenomeno, offrendo una risposta a una delle classiche domande della biologia riproduttiva e dell’immunulogia dei trapianti. I ricercatori della NYU School of Medicine negli Stati Uniti hanno infatti scoperto che l’impianto dell’embrione causa l’inattivazione di un percorso molecolare essenziale al sistema immunitario per attaccare i corpi estranei.


“Una delle tipiche risposte del corpo umano contro i tessuti estranei trapiantati e’ la produzione di chemochine, che reclutano cellule immunitarie tra cui le cellule T”, ha spiegato l’autore dello studio, Adrian Erlebacher. “Tuttavia, abbiamo scoperto che le cellule T non riescono ad attaccare il feto e la placenta: questo perche’ l’inizio della gravidanza disattiva certi geni delle chemochine, le quali di conseguenza non si accumulano nella zona dove si e’ impiantato l’embrione”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi