A.I.D.A: cresce la domanda per d…

Il professionista del ben…

Riserva ovarica e gene guardiano…

La sovraespressione del…

Dengue: la malattia tropicale pi…

La febbre Dengue e' la ma…

Diabete: scoperti altri 10 nuovi…

Dieci nuove aree del Dna …

Il caffè assunto anche molte ore…

Secondo un nuovo studio i…

Giornata Nazionale SLA: La Socie…

Roma, 15 settembre 2016 -…

Come la mente crea mappature mul…

Un team di ricercatori no…

Tumore al seno: quando il ruolo …

Un nuovo studio condotto…

Tumori: Tra le prime cause raggi…

Le polveri di legno e i r…

In memoria di Steve Jobs: Creder…

"Nessuno vuole morire. An…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Dormire meno di sei ore a notte, aumenta rischio ictus negli adulti

Dormire meno di 6 ore aumenta notevolmente il rischio di ictus tra gli adulti di mezza eta’ e negli anziani. E’ la conclusione a cui e’ giunta uno studio dell’University of Alabama negli USA, svolto su un campione di 5666 persone nel corso di 3 anni. Lo studio, effettuato su pazienti senza precedenti clinici di ictus, ischemia o apnee notturne, e’ stato presentato all conferenza annuale SLEEP 2012. “Nelle persone adulte o anziane relativamente in salute, dormire per poche ore a notte potrebbe avere un’influenza negativa sull’insorgenza dell’ictus” ha spiegato l’autrice dello studio, Megan Ruiter.


“E’ possibile che una breve durata di sonno sia un precursore a altri fattori di rischio dell’ictus. Dormire meno di 6 ore porta all’insorgenza di questi fattori che rendono piu’ probabile avere attacchi”. Lo studio non ha rilevato alcuna relazione tra durata del sonno e rischio di ictus negli individui obesi: cio’ e’ probabilmente dovuto al fatto che l’obesita’ in se’ e’ un fattore di rischio con una maggiore influenza sulla salute rispetto alle ore di sonno.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi